Seguici sui Social

Politica

Partito Democratico, si dimette il segretario Corrado


Pubblicato

il

Castellammare. Debacle del Partito Democratico a Castellammare di Stabia. Il candidato sindaco Massimo de Angelis non riesce a raggiungere il ballottaggio per un centinaio di voti. Nicola Corrado, uno dei primi sponsor di de Angelis, ha rassegnato le dimissioni dalla carica di segretario cittadino del Partito Democratico. Ecco il testo integrale della lettera.
“Cari democratici, il 16 dicembre sono stato eletto alla guida del Partito Democratico al termine di un congresso che aspettavamo da tre anni. Non avevamo più una sede, non avevamo gruppi dirigenti, non avevamo più un luogo fisico e politico dove ritrovarci come comunità e discutere della città e della nostra esperienza di governo. Abbiamo subito dovuto fronteggiare il terremoto politico legato allo scioglimento del Consiglio Comunale ed una campagna elettorale difficilissima che il 4 marzo ci ha visto perdere in maniera evidente a Castellammare così come in tutto il Paese. Neanche il tempo di leccarsi le ferite e siamo stati precipitati nel pieno del confronto elettorale amministrativo. Ho provato, insieme alla segreteria, a costruire un Partito Democratico “Diverso”: aperto, inclusivo, vivace, appassionato, competente, libero e di sinistra. Abbiamo cercato di aprire una nuova fase, abbiamo iniziato un viaggio nella città per ascoltare i bisogni, i dolori, le speranze, i sogni di tanti che come noi non si rassegnano e vogliono combattere per costruire un futuro per Castellammare capace di migliorare il presente. Abbiamo detto prima dei nomi viene il programma, abbiamo detto primarie delle idee, abbiamo detto si al confronto e no alle conte delle tessere. Per noi le parole chiave sono state due: LAVORO, quello da difendere e quello da creare per i giovani, e CITTA’, vivibile, ordinata, senza periferie, turistica, ricca di cultura, solidale e competitiva, europea. Allo stesso tempo abbiamo detto: “ i voti della Camorra non li vogliamo”, perché la camorra, come in tante altre città, è presente anche sul nostro territorio, è radicata in molti quartieri popolari, dispone di ingenti ricchezze, orienta ceti professionali e produttivi, VOTA, ELEGGE, cerca sempre di condizionare l’azione di governo, che sia esso di sinistra, di destra o dei grillini. Sulla base di questo impegnativo lavoro abbiamo dialogato con tutte le forze politiche ed associative interessate realmente alla costruzione di un progetto civico vero, ampio, che partendo dall’unità della sinistra fosse capace di coinvolgere le migliori energie della città in un processo di ricostruzione morale, culturale e produttiva di Castellammare di Stabia, da contrapporre al finto civismo, quello cialtrone, volgare e a tratti violento nel linguaggio e nei comportamenti di una rappresentanza pseudo-politica che rastrella i voti con metodi clientelari e che ha inquinato tanto la sinistra quanto la destra. Questo progetto è stato sfigurato e ridotto mediaticamente alla caricatura “delle larghe intese tra il PD e Forza Italia”: la mia lunga storia personale e politica è un’altra e tutti la conoscono. Ho provato ad essere il segretario del PD in un momento in cui non è facile esserlo; ho provato con tutte le mie forze a risollevare e a ridare autonomia ad un partito balcanizzato in mille personalismi, divorato da ambizioni, opportunismo, ed irresponsabilità. Mentre altri scappavano, ho fatto una battaglia in prima persona, ancora una volta, come è nel mio carattere, commettendo sicuramente molti errori. Resta in me la convinzione di avere agito per assicurare al Partito Democratico di Castellammare, in un momento storico di una difficoltà estrema per noi, una prospettiva di ripartenza, dopo due scioglimenti anticipati del Consiglio Comunale, dopo le fughe opportunistiche di tante e di tanti, dopo le guerre intestine combattute tra le correnti, dopo la pesante sconfitta delle elezioni politiche. Ho combattuto per costruire una coalizione autenticamente riformista intorno alla figura di una persona preparata e perbene come quella di Massimo de Angelis, e oggi dopo il voto rifarei questa battaglia con ancora più convinzione. Abbiamo perso, per poche decine di voti, ma abbiamo comunque perso e quando si perde, se si vuole essere seri, si compiono atti conseguenti. Mi dimetto dalla carica di segretario cittadino, assumendomi tutte le responsabilità di questa sconfitta, anche quelle non mie; compio questo atto con animo lieve, senza polemiche e senza rancori, semplicemente perché per me la politica è una cosa seria.
Un sorriso”


Continua a leggere

Politica

Annullato per ordine pubblico il concerto di Venditti: stop anche ai fuochi d’artificio

Parere negativo della Questura: forze dell’ordine impegnate a presidiare i quartieri caldi per bloccare i falò dell’Immacolata

Pubblicato

il


Non regge la motivazione fatta trapelare da Palazzo Farnese. Il concerto di Antonello Venditti è stato annullato (forse slitterà a ridosso delle festività natalizie) ma non per il maltempo. O comunque non solo. Ieri pomeriggio è arrivato lo stop da parte della Questura di Napoli, che ha espresso parere negativo all’evento che si sarebbe dovuto tenere in concomitanza con l’accensione dei falò illegali dell’Immacolata, nella serata del 7 dicembre.

Le forze dell’ordine, infatti, saranno impegnate con un importante spiegamento per il controllo del territorio e in particolare a presidiare i quartieri caldi, controllati dalla camorra, dove ogni anno si tenta l’accensione delle pire di legno accantonate in queste settimane. Motivo per cui non ci sarebbero le condizioni per garantire l’ordine pubblico sull’arenile, dove era in programma il concerto di Venditti. Tant’è che sono stati annullati anche i fuochi d’artificio programmati per la stessa serata della vigilia dell’Immacolata. Il piano del sindaco Gaetano Cimmino sembra saltato completamente e ora si sta tentando un disperato piano B per salvare il salvabile. Difficile, però, riuscire a organizzare in poco tempo qualcosa che distolga la cittadinanza dal seguire i falò abusivi e illegali che si cercheranno di mettere in piedi nei quartieri.
Gli organizzatori, invece, nelle ultime ore avevano fatto trapelare di problemi logistici legati al maltempo, con l’impossibilità a montare il palco che avrebbe ospitato Antonello Venditti. Una struttura che comunque avrebbe accompagnato l’artista romano in un concerto «unplugged», vale a dire acustico. L’evento sembra destinato soltanto a slittare, avendo il Comune impegnato già 170mila euro.
Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica