Seguici sui Social

Ultime Notizie

Castellammare. Disagi nelle scuole, Nastelli: “Intervenire subito, la scuola resti priorità dell’Amministrazione”

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. La qualità di un amministrazione la misura dall’attenzione che essa pone nei confronti della scuola e della sua platea – a dirlo in una nota è il consigliere comunale di opposizione Castellammare di Stabia Giovanni Nastelli – L’ ambiente scolastico è il miglior investimento per il futuro della città, avremo bisogno di tutta le capacità e dell’intelligenza dei nostri ragazzi perché essi sono la risorsa più preziosa nell’ avvenire della nostra società e della nostra amata terra. La professionalità, l’ impegno e la passione dei nostri docenti sono la prova evidente su cui poter essere sereni, ma allo stesso tempo fanno da contralatare le anomalie e le defaillance delle strutture, come quelle emerse prima della pausa natalizia e che purtroppo continuano a protrarsi anche dopo. Tra pochi giorni riapriranno le scuole. Dalle feste al calduccio domestico, alle temperature polari sin dentro l’aula. Ebbene sì, anzi purtroppo è così. I nostri figli, i nostri nipotini, i nostri piccoli Stabiesi, si apprestano così al ritorno tra i banchi gelidi per guasti agli impianti di riscaldamento. Come è accaduto per l’istituto comprensivo Wojtyla. Lo stesso Istituto lamenta da tempo alcune anomalie al soffitto della palestra, con il sottoscritto che ha segnalato tempo fa il pericolo. Ancora più grave quanto è in atto presso la sezione del Lattaro. In una nota il Preside ha invitato il corpo dei docenti, ed il personale tutto a traslocare presso la sede centrale di Moscarella. Insomma in un edificio scolastico attenzionato da possibili problematiche strutturali, il 7 gennaio si ritroveranno un numero elevato di bambini costretti ad emigrare senza essere al sicuro. Questo solo per evidenziare alcuni aspetti controversi. È obbligo di questa Amministrazione assicurare la massima sicurezza ed efficienza funzionale di tutte le scuole del nostro territorio prima del 7 gennaio. E rassicurare tutti che i controlli effettuati hanno dato certezze strutturali ed ambientali. Al dirigente preposto, all’assessore al ramo e allo stesso Sindaco il compito di intervenire in maniera tempestiva per la risoluzione delle annosi questioni”.

Leggi Castellammare. Disagi nelle scuole, Nastelli: “Intervenire subito, la scuola resti priorità dell’Amministrazione” su OnlineMagazine.it.

Pubblicità

Cronaca

In sella a un calesse sull’arenile, due persone multate. Finalmente!

Pubblicato

il

calesse

Calpestavano l’arenile con un calesse. Una scena ripresa e postata sui social decine di volte. E per decine di volte i responsabili sono rimasti impuniti. Questa volta no. Per non parlare delle volte in cui gli escrementi degli animali sono rimasti sulla spiaggia antistante la villa comunale. L’ultima volta addirittura il giorno dopo la maxi-pulizia dell’arenile ad opera della ditta Velia Ambiente.

Questa volta è andata male. Due agenti di polizia municipale di Castellammare di Stabia si sono appostati in borghese e hanno raggiunto due persone che scorazzavano sull’arenile stabiese indisturbati, in sella a un cavallo di piccola taglia.

E’ arrivata così la sanzione, perché è vietato da regolamento comunale. Finalmente.

Continua a leggere

Attualità

LIBRI | “Mala fede”, il romanzo giallo che segna il ritorno del capitano Mariani

Pubblicato

il

calesse

Se siete amanti del “giallo” lo amerete perché è di quelli intriganti, ricchi di colpi di scena e che vi tengono col fiato sospeso fino all’ultima pagina.

Se non è il vostro genere prediletto, rimarrete comunque catturati dalla trama avvincente e dalle vicende umane in cui addentrarvi.

Preferite approfondire vicende reali e conoscere i segreti della vita di grandi personaggi storici?

Vi piacciono la storia dell’arte, il folklore, le tradizioni popolari?

O forse preferite tinte più forti: quelle del noir, e dei misteri oscuri…

In ogni caso, “Mala fede” è il romanzo che fa per voi.

C’è tutto questo e molto altro nella terza opera di Giovanni Taranto, che dal 29 settembre vede il ritorno in tutte le librerie d’Italia del Capitano Giulio Mariani.

Avagliano Editore ha scommesso di nuovo sul detective dell’Arma e pare aver fatto centro, considerato che addirittura un grande del giallo e della letteratura come Carlo Lucarelli ha sottolineato a tinte forti il valore di questa terza opera del nerista di Torre Annunziata che esplora gli abissi del satanismo a Napoli e nel Vesuviano e il rapporto distorto tra mafie e religione.

Cuore della vicenda: Pompei.

“Per fare un bel libro ci vuole una buona storia, e quella di Mala fede lo è, profonda, misteriosa e intrigante, di respiro internazionale. – scrive Lucarelli nel lancio del romanzo di Taranto –  Ci vuole lo stile giusto, e questo, così teso, veloce, ricco e sorprendente, lo è di sicuro. Ma anzitutto ci vuole un grande personaggio che ce la racconti. Ecco, il capitano Mariani non è il solito detective da romanzo giallo, è un vero e proprio “uomo che cerca”: inquieto, appassionato e tenace. Ironico e acuto. Soprattutto umano. Il punto di vista giusto per far luce nella complessa metà oscura di una realtà contraddittoria, grottesca e feroce come la Napoli, il Vesuviano, l’Italia e il mondo, tanto degli anni Novanta, in cui è ambientato il romanzo, quanto di oggi. E il bello è che non è da solo. Qui ce ne sono tanti come lui, un bellissimo gruppo di personaggi, non solo tra gli investigatori, a cui affezionarsi. Da attendere e seguire ancora, con impazienza, nella prossima storia”.

Al centro della trama un piano diabolico per sottrarre un oggetto-simbolo caro a milioni di fedeli, oltraggiarlo e distruggerlo in nome di una perversa devozione all’oscurità più profonda. Eventi apparentemente inspiegabili e segnali inquietanti gettano sulla vicenda l’ombra del soprannaturale, fino al compimento del crimine nel modo più clamoroso e inspiegabile. Ad agire sono stati uomini o qualcosa arrivato dagli abissi del male? Sarà la razionalità del capitano Mariani a dover arginare il panico e trovare il bandolo di una matassa che mescola misteriose sette e criminalità comune, agenti del Vaticano e incursioni della camorra. Un romanzo che propone anche un’attenta narrazione di eventi reali che hanno segnato il profondo percorso di fede e nuova conversione di Bartolo Longo, una delle figure più carismatiche del cattolicesimo vesuviano, il cui passato oscuro è ignoto ai più.

Giovanni Taranto, giornalista specializzato in cronaca nera, giudiziaria e investigativa, ha esordito in campo letterario con La fiamma spezzata (Avagliano, 2021). Il romanzo successivo, Requiem sull’ottava nota (Avagliano, 2022), è stato vincitore del Premio Mysstery 2023 al Festival del giallo di Napoli.

 

Continua a leggere

Attualità

Disagi al Plinio Seniore, due bagni per tutti gli studenti

Pubblicato

il

calesse

Disagi nei bagni della succursale del Plinio Seniore. Nella sede di via Virgilio, gli studenti sono costretti ad utilizzare soltanto 2 bagni: uno per maschi ed un altro per femmine. Sabato scorso il primo disservizio per un allagamento dei bagni delle ragazze al secondo piano a causa della rottura di un tubo dell’acqua. Ieri si è ripetuto il disagio. Questa volta invece ad allagarsi sono stati i bagni dei ragazzi al primo piano.

“Sono disagi che, una volta eletti, cercheremo di arginare – dicono i candidati della Lista n°2 – Tra le nostre priorità c’è appunto la risoluzione di problemi frequenti nel nostro Istituto. La nostra candidatura nasce proprio dal forte desiderio di voltare pagina e dire “basta” ai disagi per gli studenti”.

Proprio nel pieno della campagna elettorale studentesca, quindi, i disagi per gli stidenti del Plinio Seniore fanno capolino. Intanto la dirigenza sta provvedendo a risolvere i disagi.

Continua a leggere

Politica

Centro antico, non bastano i fondi da 10 milioni. Il commissario ne chiede altri 13 alla Regione

Pubblicato

il

calesse

Facendo seguito alle preoccupazioni sollevate nella nota inviata il 27 settembre firmata “Democratici e Progressisti”, si precisa che l’annosa situazione in cui versa il Centro Antico e soprattutto i problemi derivanti dal dissesto idrogeologico che interessano il territorio comunale, sono stati all’attenzione della Commissione Straordinaria sin dall’insediamento.
I 10 mln a cui si fa riferimento nella nota, assegnati da oltre dieci anni e mai utilizzati, serviranno solo ad avviare tutto il lavoro necessario: è stata affidata la progettazione, ma occorreranno nuove risorse.

Il 22 dicembre 2022 la Commissione Straordinaria ha sottoposto all’attenzione della Regione Campania la richiesta di maggiori finanziamenti: il progetto definitivo delle opere occorrenti alla sistemazione idraulica degli alvei torrentizi sul versante settentrionale del Monte Faito a monte della strada panoramica, stima una spesa complessiva dell’intervento di circa 23 milioni di euro (13 mln ad integrazione dell’attuale finanziamento e 10 mln per il versante a valle della strada
panoramica fino allo sbocco degli alvei in ambito portuale).

Sullo svuotamento delle vasche borboniche, occorre ricordare che la manutenzione è di competenza della Regione Campania, ente a cui il Comune di Castellammare di Stabia ha inoltrato opportuno sollecito.

In merito alla problematica viabilità via Salita Quisisana che interessa anche la popolazione scolastica dell’Istituto Panzini, il dirigente del Settore Urbanistica nel corso di un incontro a Palazzo Farnese con le mamme ha ribadito che, affidati i lavori per l’esecuzione delle opere di messa in sicurezza riguardanti il dissesto franoso, i disagi dovrebbero finire agli inizi di novembre. Intanto per venire incontro alle esigenze dell’utenza scolastica, con l’avvio dei lavori, è previsto un percorso protetto per il transito pedonale lungo via Quisisana.

Continua a leggere

Cronaca

Incidente mortale sul raccordo, sale il bilancio delle vittime: muore anche una donna

Pubblicato

il

calesse

Incidente mortale sul raccordo autostradale, sale il bilancio delle vittime. Si registra un secondo decesso. Non ce l’ha fatta la donna di 40 anni,  Carolina Di Pangrazio, moglie del 59enne romano Paolo Balli, morto sul colpo in seguito all’incidente tra la sua moto e un’auto proveniente da Sorrento.

La donna era stata trasportata dal 118 all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, per poi essere trasferita d’urgenza all’ospedale Del Mare in condizioni critiche. Per un giorno ha lottato tra la vita e la morte, ma le manovre rianimatore dei medici non sono bastate. Così sale a due il numero di morti in seguito allo spaventoso incidente di sabato mattina sul raccordo autostradale, in territorio di Castellammare di Stabia.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.