Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare. Concluso il progetto “Dal testo all’immagine”, alunni della Di Capua dal Papa a Roma

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Concluso il progetto di lettura attiva “Dal testo all’immagina” alla scuola media di Castellammare di Stabia Di Capua. Il progetto, in collaborazione con Radio 3 e di scrittura creativa “Mondo donna” ha portato alla stesura di un volume incentrato sulla figura della donna nella società contemporanea, quest’ultimo realizzato sotto l’egida del giornalista vaticanista Carmine Alboretti. Il testo sarà consegnato a papa Francesco durante l’Udienza del 15 maggio, alla quale parteciperà una nutrita delegazione di alunni, docenti e genitori della scuola. Il Dirigente scolastico, prof.ssa Rosa Vitale, manifesta tutta la sua soddisfazione per questi due percorsi “che hanno trasformato la lettura e la scrittura in emozione”. Ed ancora, “abbiamo scelto di trattare le tematiche legate al mondo femminile per consentire alle ragazzine di accrescere la loro autostima ed ai maschietti di comprendere a fondo la cultura del rispetto”, aggiunge la Preside. La pubblicazione del volume, impaginato dalla dott.ssa Stefania Spisto, riporta al centro del dibattito l’universo femminile, esaminato da molteplici punti di vista. Il giornalista Alboretti si è detto “stupito per l’atteggiamento dei giovani alunni partecipi ed intellettualmente attivi”. I ragazzi delle classi quinte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria hanno raggiunto un risultato di notevole profondità. In occasione della presentazione, il libro è stato dedicato alla madre di un alunno della scuola media prematuramente scomparsa, donna impegnata da sempre per favorire la cooperazione tra genitori e mondo della scuola. L’orchestra dell’Istituto F. di Capua, sotto la direzione dei maestri Elisabetta Ferraro, Antonio Del Prete, Rosario Minetti e Lucio Miele ha allietato la platea con l’esecuzione di numerosi brani tra cui Libertango e La vita è bella. Ma la mattinata è stata anche occasione per presentare il progetto “Dal testo all’immagine”. In collaborazione con la curatrice della trasmissione di radio 3 “Ad alta voce” Anna Antonelli, i ragazzi della III E della scuola secondaria di primo grado insieme alla prof.ssa Ornella Grato hanno ascoltato file audio relativi ai passi significativi di Moby Dick di Melville per poi realizzare una lettura drammatizzata in modo da “non fare della lettura un fatto privato e consolatorio, bensì un modo per sollecitare la creatività dei ragazzi nel momento più fertile per la loro formazione”, come ha precisato la Antonelli. Quest’ultima che da anni si prodiga per diffondere le più belle pagine della letteratura mondiale ha lodato l’iniziativa promossa dall’Istituto “Di Capua” auspicando che sia “l’inizio di una collaborazione proficua e duratura e che sia da contagio per altre scuole”. Nell’ambito dello stesso progetto, i ragazzi della classe IIIC, guidati dalla prof.ssa Filomena Vanacore, hanno realizzato 24 pannelli raffiguranti i momenti salienti del romanzo, dalla partenza all’affondamento della baleniera. “Ci siamo ispirati al fumetto di Ken Parker – caccia sul mare – per raffigurare tutta la drammaticità delle scene evidenziate dal bianco e nero e dalla tecnica della finta vetrata”, chiarisce la prof.ssa Vanacore. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.