Seguici sui Social

Cronaca

Lo stabiese Riello tra i candidati a Procuratore generale della Cassazione

Pubblicato

il

riello-luigi

Sono nove i candidati alla guida della procura generale della Cassazione, incarico vacante dopo le dimissioni anticipate di Riccardo Fuzio, che ha lasciato la toga lo scorso luglio a seguito dell’inchiesta di Perugia. Si sono chiusi ieri i termini per presentare le domande al Csm, che nelle prossime settimane dovrà scegliere il successore di Fuzio: a presentare la propria candidatura sono stati Giuseppe Napolitano e Giacomo Fumu, presidenti di sezione in Cassazione, gli avvocati generali della Suprema Corte Marcello Matera, Luigi Salvato e Renato Finocchi Ghersi, il sostituto pg della Cassazione Giovanni Giacalone, il procuratore generale di Napoli Luigi Riello, il pg di Roma Giovanni Salvi (che nel 2017 si candidò ma il plenum a maggioranza scelse Fuzio) e Antonio Mura, pg di Venezia. Sulla nomina del nuovo pg – che e’ titolare con il Guardasigilli dell’azione disciplinare delle toghe – la Quinta Commissione di Palazzo dei Marescialli inizierà quindi il suo lavoro alla ripresa dei lavori in settembre dopo la pausa estiva. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.