Seguici sui Social

Eventi

I ragazzi della Chiesa del Carmine in scena con la commedia “Dio c’è… ma non si vede”

Pubblicato

il

teatro-carmine

Castellammare di Stabia. Il prossimo 26 settembre alle ore 21presso il teatro “Supecinema” di Castellammare di Stabia, ed il 5 Ottobre al teatro OIERMO, i ragazzi della compagnia teatrale amatoriale “Mamm do’ Carmin”, porteranno in scena la commedia in tre atti “Dio c’è ma non si vede”,scritta da Auricchiello, con la regia di Alessio Lucchisani.
La compagnia, nasce nella parrocchia della Madonna del Carmine (da qui il suo nome), è composta principalmente da ragazzi che frequentano la parrocchia e che hanno deciso, con il supporto energico del viceparroco, Don Michle Inserra, di mettersi in gioco, cercando al contempo di divertirsi e crescere insieme, mettendo al centro il teatro come mezzo di aggregazione, e volano di arricchimento personale e spirituale. Infatti, la compagnia, ha un valore aggiunto molto importante: quello di credere e cercare, nel proprio piccolo di diffondere la parola del Signore. La commedia vede protagonista la famiglia Boncristiano ed è ricca di equivoci, colpo di scena e un gran finale a sorpresa. La partecipazione allo spettacolo è gratuita. Chi vuole può dare il proprio contributo lasciando un’offerta all’ingresso della sala. Per info rivolgersi a: Don Michele Inserra presso la parrocchia M. SS. Del Carmine 081/8705225. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.