Seguici sui Social



Politica

Aria di crisi, ultimatum Dc al sindaco: «Contrari a questa giunta»

Pubblicato

il

Barbara-Di-Maio
PUBBLICITA


Oltre a una serie di offere rivolte alla carta stampata, Michele Sanzone tenta di portare ordine nel gruppo della Democrazia Cristiana, allontanando le voci insistenti di una frattura interna. Ma, nemmeno tanto tra le righe, lancia un ultimatum al sindaco Cimmino sulla giunta: «Fin dal primo giorno dell’insediamento dell’attuale esecutivo, Democrazia Cristiana ha espresso contrarietà verso quest’ultimo. Il motivo della contestazione nasce dalla nostra ottica della politica, questa deve essere al centro delle scelte di indirizzo per una  visione futura della città, e questo esecutivo non rispecchia questo nostro credo».

«Fin dal primo giorno – prosegue Sanzone – sia sui media sia negli incontri ufficiali, il nostro gruppo politico, ha sempre mostrato un forte dissenso chiedendo di ridare voce alla politica fatta dal popolo, e questo è accaduto quando la formazione del partito vedeva tra le sue fila la sola consigliera Di Maio, e si è rafforzato con l’arrivo del consigliere Morlino, entrato subito in perfetta sintonia con il pensiero del gruppo. Quanto detto, mette in evidenza la trasparenza del nostro pensiero politico,  scevro di ogni istinto complottista fin qui ingiustamente affibbiatoci,  anzi, la forza con la quale ci si contraddistingue è la contestazione leale e matura, dimostrata soprattutto quando è stata messa da parte la contestazione, per accettare le decisioni della maggioranza, pur non condividendola. Sui media ovviamente non si è mai palesato ciò che succedeva nelle riunioni di maggioranza, dove con forza abbiamo sempre contestato questo esecutivo che non ha una natura tecnica e tantomeno politica. Il leit motive del gruppo è sempre stato e continuerà ad essere,  la coerenza e senso di appartenenza, senza ordire tranelli politici di sorta che minerebbe lo stato della maggioranza.  Una mia nota personale vorrei dedicarla al consigliere Morlino, che,  seppur di  giovane età, non deve essere considerato  uno sprovveduto. Esprimo una grande soddisfazione nel sottolineare di aver incontrato una persona perbene, che sin dal primo giorno si è amalgamato con senso di amicizia al gruppo» conclude il segretario della Dc stabiese.


Continua a leggere

Politica

Cimmino, il sindaco di Forza Italia che elogia il PCI: È stato un grande partito

Pubblicato

il

Una grande storia. Una grande tradizione. Insomma, il Partito Comunista è stato un grande partito. Parole che, a sentirle da un sindaco di Forza Italia con un passato da segretario Pd, hanno una valenza maggiore. E magari suscitano anche qualche critica dei partiti di centrodestra.
Gaetano Cimmino ha comunque voluto ricordare la nascita, nel giorno del centenario, del Pci. E qualche buontempone non ha perso tempo ad immortalarlo al fianco della bandiera rossa con falce e martello.

Un intervento inusuale o quantomeno inaspettato:“Il Partito Comunista è l’espressione di una storia politica che ha segnato le tappe del percorso democratico e sociale dell’Italia e della nostra città – dice il sindaco Cimmino – Nel centenario della sua nascita, ci tengo a ricordare quel dibattito politico tra i partiti che ha animato le piazze, che è entrato nelle case dei cittadini, che ha ispirato le istituzioni democratiche, al di là delle divergenze ideologiche. Un dibattito tenuto vivo dal Partito Comunista a Castellammare nella storica sede di corso Vittorio Emanuele, fucina di politici e intellettuali.

Rinnovare e conservare la memoria e il ricordo assume una maggiore valenza in questa fase storica in cui la crisi dei partiti ha lasciato sempre più spazio ai personalismi. Ed oggi, più che mai, abbiamo il compito di adoperarci per fare in modo che i partiti tornino ad appropriarsi del proprio ruolo e a dialogare in modo costruttivo con i cittadini, per ricostruire il rapporto tra il popolo e le istituzioni”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere