Seguici sui Social

Cronaca

Carabiniere aggredito, scattano i primi fermi. C’è anche un minorenne

Pubblicato

il

Carabiniere aggredito

Castellammare di Stabia. Arrivano i primi fermi per l’aggressione ad un appuntato di carabinieri libero dal servizio avvenuta nella tarda serata di ieri. Nel pomeriggio di oggi i militari della Compagnia di Castellammare di Stabia hanno identificato e fermato cinque giovanissimi ritenuti coinvolti nel pestaggio del militare in Piazza Monumento. Tra i primi fermi spunta anche un minorenne. Il carabiniere, Giovanni Ballarò, appuntato 37enne di origini siciliane ma effettivo alla stazione di Gragnano, stava passeggiando con la moglie e alcuni familiari quando è intervenuto per sedare una lite che stava degenerando in rissa tra alcuni ragazzi, nata dopo un incidente tra due scooter. In un primo momento investito da uno scooter con in sella tre persone e poi accerchiato da diversi giovani che gli hanno sferrato calci e pugni, colpito con caschi e addirittura con una sedia presa da un’attività commerciale in piazza per poi lasciarlo in una pozza di sangue sui sanpietrini della piazza. I ragazzi di età compresa tra i 21 e 25 anni ed un minore sono in questo momento nella caserma di Via De Gasperi dove i carabinieri li stanno sottoponendo ad interrogatorio. Continuano le indagini per identificare gli altri partecipanti all’aggressione. Sono almeno 12, stando a quanto evince dalle immagini di videosorveglianza private e pubbliche, le persone che hanno aggredito l’appuntato.

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.