Seguici sui Social

Cronaca

Coronavirus, caso positivo a Santa Maria la Carità

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Santa Maria la Carità – Primo caso di positività al Covid nel perimetro sammaritano. A renderlo noto è il Sindaco D’Amora sul suo profilo facebook: “Stamani l’Asl mi ha comunicato che un nostro concittadino, sottoposto ieri al tampone nasofaringeo, in quanto in contatto con uno dei contagiati del focolaio di Sant’Antonio Abate, è risultato positivo. Le sue condizioni di salute per fortuna sono buone ed a nome di tutta l’Amministrazione gli auguro una rapida guarigione. Unitamente all’Asl da stamattina è stata stilata la mappatura dei contatti ed un elenco dei familiari che in queste ore stanno gia’ effettuando il tampone – precisa il Primo Cittadino –  Sino ad oggi, successivamente ai notori fatti del paese a noi confinante, sul nostro territorio, sono stati effettuati 52 tamponi risultati tutti negativi tranne quello che ha visto coinvolto il nostro malcapitato cittadino. Ciononostante abbiamo il dovere di non abbassare la guardia: sebbene la maggior parte dei contagiati dei comuni limitrofi siano tutti asintomatici, ciò non ci esime dalla necessità di non sottovalutare la situazione mantenendo comportamenti improntati alla prudenza e al rispetto delle norme di sicurezza (distanziamento sociale, lavaggio continuo delle mani, utilizzo della mascherina ecc.)”. Alla luce di quanto capitato, sul territorio sammaritano sarà prorogato l’obbligo dell’utilizzo della mascherina anche all’aperto fino al 30 Agosto. “Manteniamo un comportamento responsabile – chiosa il Sindaco – invitiamo soprattutto i giovani ad essere coscienziosi e supereremo anche questa delicata prova nel migliore dei modi”. 

 


Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

La Campania dell’arte riapre: dal lunedì al venerdì aperture di musei e scavi

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Riaprono dopo mesi anche in Campania i centri culturali

La Campania dell’arte riapre: da Pompei a Capodimonte, dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli alla Reggia di Caserta, ai siti del Polo Museale regionale. Appena è stata comunicata la ‘zona gialla‘ che secondo il decreto del presidente Conte firmato ieri mattina consente la riapertura di musei e mostre, sono arrivate le conferme: dal 18 gennaio anche se solo dal lunedì al venerdì e per un pubblico di ‘residenti’, i luoghi della bellezza, chiusi dal 6 novembre 2020, riapriranno le porte, in sicurezza. E lo fanno invitando i cittadini a frequentare sale e parchi svuotati dai turisti, con biglietti speciali, sconti, nuove esposizioni.

A Pompei un’ app per cellulare supporterà i percorsi indicati: dall’Anfiteatro, alla Palestra grande, passando per “Venustas. Grazia e Bellezza a Pompei”, le principali domus, il Foro, le Terme Stabiane, si potrà vedere anche la casa di Leda e il cigno. Il biglietto cosiì come quello per il Museo Archeologico di Stabia è solo on line. Napoli si riscopre ‘città d’arte’. Al Museo e Real Bosco di Capodimonte un biglietto omaggio invita alla visita di coppia. ”Dopo mesi di chiusura e fruizione on line e in solitudine vogliamo lanciare un piccolo segnale per ripartire insieme” spiega il direttore Sylvian Bellenger. Apre la mostra su Francesco Jacovacci e la pittura dell’800, prorogate Luca Giordano, Napoli, Napoli e Santiago Calatrava. Il MANN riapre con una proposta nuova, ‘Lucy – Sogno di una Evoluzione’ firmata del ‘Michelangelo del fumetto’ Tanino Liberatore, in dialogo con la sezione preistoria. Oltre alla collezioni si può ammirare la mostra sugli Etruschi. Abbonarsi per un anno costa dieci euro, 15 con la Open Mann Family. ”L’arte e la bellezza curano lo spirito e ci preparano alla rinascita. In questi giorni difficili il vostro ‘Museo’ e’ ancora più vostro, dei cittadini di Napoli e della Campania” è il saluto del direttore dell’Archeologico Paolo Giulierini. La direttrice regionale Musei della Campania, Marta Ragozzino racconta “Aspettavamo questo giorno con impazienza” siamo convinti che i musei e i siti archeologici abbiano un valore sociale prezioso, siano presidi civili fondamentali per le nostre comunita”’. Il Palazzo Reale di Napoli riapre con la nuova illuminazione delle sale, e per le famiglie visite guidate con il neo Direttore Mario Epifani, insediato poco prima della chiusura. Per tutti modalità di fruizione contingentate e termoscanner

Continua a leggere

Trending