Seguici sui Social

Politica

Piazza Spartaco, l’opera donata all’ex Pci sarà restaurata. Nel 2021 il centenario dell’assalto a Palazzo Farnese

Pubblicato

in



Sullo sfondo Palazzo Farnese, i colori accesi della battaglia, i protagonisti dell’assalto di Piazza Spartaco, così come un tempo era chiamata l’attuale piazza Giovanni XXIII. La parete che ospita il tavolo dei congressi, nella sede Pd di Castellammare, è interamente occupata dall’opera Piazza Spartaco, che rappresenta la sanguinosa battaglia del 20 gennaio 1921 che vide contrapposti fascisti e comunisti.
Il dipinto di Antonio Gargiulo, dal 1975, campeggia nella sala più grande di Corso Vittorio Emanuele, 57, dal giorno dell’inaugurazione della nuova sede dell’ex partito Comunista. Proprio nel ’75, i “compagni” lasciarono l’appartamento di via Alvino (vicinissimo alla sezione del Movimento Sociale) per trasferirsi di qualche centinaio di metri. La nuova sede prima presa in affitto, poi acquistata grazie a una colletta tra operai Fincantieri e di altre fabbriche, anche con l’aiuto del ricavato di due feste dell’Unità.
Ora, in occasione del centenario della battaglia di Piazza Spartaco, raccontata in un libro nella versione “rossa” dal professore Barone, l’artista Gargiulo ha deciso di restaurare l’opera.
Nel 2017 Antonio Gargiulo lanciò l’allarme e un appello al sindaco di allora (Antonio Pannullo, ndr), quando si paventò l’ipotesi di dismettere completamente la storica sede del Partito Comunista (ora di proprietà della Fondazione Diesse). L’opera rischiava di finire nella compravendita, fermata soltanto da un nuovo contratto di affitto stipulato dalla nuova segreteria del Partito Democratico e ora portato avanti dal segretario Peppe Giordano.
L’idea di restaurare il dipinto, in attesa del centenario della battaglia di Piazza Spartaco che ricade il 20 gennaio 2021, è stata dei Giovani Democratici. I baby dem, con l’aiuto del segretario Giordano, sono stati capaci di coinvolgere l’artista Gargiulo, un compagno vecchio stampo, che da anni non frequentava le stanze di Corso Vittorio Emanuele, 57. La sua prima apparizione, dopo anni di assenza, è avvenuta in occasione delle primarie Pd, con cui l’elezione di Zingaretti ha leggermente riportato l’asse del partito verso sinistra. Gargiulo fu proprio uno di quei compagni storici che ritornarono al partito per dare fiducia al governatore della Regione Lazio. Questa volta il pittore stabiese della sinistra, che si ispira a Guttuso e Picasso, ha accettato di rimettere a nuovo un’opera che rappresenta la battaglia del 20 gennaio 1921, da sempre al centro di una diatriba storica tra esponenti di destra e di sinistra, sui responsabili della morte del maresciallo Carlino e di altre cinque persone.

Daniele Di Martino

Pubblicità

Politica

Scafarto si dimette, il sindaco tentenna: “Decidiamo insieme”. Ma la maggioranza spinge per l’addio dell’assessore

Pubblicato

in

Gianpalo-Scafarto

L’assessore Scafarto si dimette, il sindaco tentenna. Gaetano Cimmino non ha ancora deciso se accettare o meno le dimissioni delle’ex maggiore del Noe, oggi rinviato a giudizio nell’ambito del processo Consip.
“Ho apprezzato il senso di responsabilità mostrato dall’assessore Scafarto – fa sapere il sindaco Cimmino – La sua volontà di rassegnare le sue dimissioni a seguito di un rinvio a giudizio, e non di una condanna, è un gesto nobile che rivela le sue doti umane e il suo profondo rispetto nei confronti delle istituzioni, caratteristiche che vanno di pari passo con le qualità professionali che ho avuto modo di constatare sempre in questi due anni. Qualità di cui ero certo sin dal giorno in cui l’ho nominato in qualità di assessore tecnico nella mia giunta. La giustizia farà il suo corso. E mi auguro che Scafarto saprà dimostrare la sua innocenza all’esito del processo. Nei prossimi giorni avrò modo di confrontarmi in maniera più approfondita con lui per valutare insieme il da farsi”.
Nel frattempo le forze di maggioranza spingono per accettare le dimissioni, il sindaco così finisce all’angolo. Tra incudine e martello. Nei giorni in cui potrebbe materializzarsi il rischio zona rossa per Castellammare.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

DALLA HOME

Cronaca52 minuti fa

Covid, a Santa Maria la Carità nuove restrizioni. Il Sindaco: “Situazione grave, invito le attività ad anticipare la chiusura”

Il sindaco di Santa Maria la Carità dispone la chiusura delle piazze e delle strutture sportive Santa Maria la Carità....

Calcio60 minuti fa

Anche la Curva Sud protesta contro la chiusura del pronto soccorso del San Leonardo

La Curva Sud della Juve Stabia scende nuovamente in campo per la comunità stabiese. Da qualche giorno è ufficiale la...

Gianpalo-Scafarto Gianpalo-Scafarto
Politica2 ore fa

Scafarto si dimette, il sindaco tentenna: “Decidiamo insieme”. Ma la maggioranza spinge per l’addio dell’assessore

L’assessore Scafarto si dimette, il sindaco tentenna. Gaetano Cimmino non ha ancora deciso se accettare o meno le dimissioni delle’ex...

Cronaca3 ore fa

Castellammare. Si dimette l’assessore Scafarto

Si è dimesso l’assessore alla mobilità Gianpaolo Scafarto Castellammare di Stabia. L’assessore alla mobilità Gianpaolo Scafarto si è dimesso dall’incarico...

Cronaca3 ore fa

Covid, a Castellammare 13 guariti e 78 nuovi casi: sale a 455 il numero dei positivi

Cresce ancora il numero dei contagi a Castellammare di Stabia Castellammare di Stabia. I contagiati attuali a Castellammare di Stabia...

Cronaca4 ore fa

Covid, Cimmino scrive a Conte e De Luca: “No alle chiusure ed alle mezze misure, sì al potenziamento dei controlli”

Covid, Cimmino scrive al Premier Conte Castellammare di Stabia. Anche il sindaco stabiese, Gaetano Cimmino, dopo la lettera inviata dal...

Pubblicità

Trending