Connect with us

Cronaca

Covid, arrivano gli ispettori in Campania: oggi 2716 nuovi casi positivi

Published

on


In corso l’analisi dei dati, potrebbe cambiare il colore della regione

I tecnici del ministero della salute sono in Campania e per una ricognizione sui dati sull’epidemia di covid19, per avere un quadro preciso in vista di una decisione sulla fascia in cui deve essere posta la Regione. Gli ispettori stanno analizzando i dati per capire se si è creata una falla nella raccolta e nella trasmissione e se il flusso dei dati è stato messo insieme correttamente. I tecnici devono appurare eventuali deficit e capire come potere recuperare ciò che manca. L’obiettivo è avere un quadro epidemiologico che rispecchi quanto più fedelmente possibile la realtà così da capire se la Campania è ancora in un quadro di fascia gialla oppure no. Con l’aumento consistente del numero dei contagi negli ultimi giorni, spiegano dal ministero, bisogna anche verificare quanti potenziali contatti sono sfuggiti al tracciamento. Il numero potrebbe influenzare la valutazione dell’area di rischio di appartenenza. Una decisione verrà presa al termine di questo lavoro e dopo l’analisi al ministero dei dati raccolti e potrebbe arrivare quindi nella serata di oggi o domani.
IL BOLLETTINO. In Campania nelle ultime 24 ore sono stati registrati 2716 nuovi casi positivi di cui 2304 asintomatici e 412 sintomatici. Il dato è fornito dall’unità di crisi regionale. Nell’ultimi giorno sono stati eseguiti oltre 14mila tamponi. Il bilancio totale dei positivi sale a 92755. I deceduti 18. Report posti letto su base regionale: Posti letto di terapia intensiva disponibili: 590, Posti letto di terapia intensiva occupati: 193, Posti letto di degenza disponibili: 3.160, Posti letto di degenza occupati: 2.061


Advertisement

Cronaca

Visita del comandante generale della guardia costiera al compamare di Castellammare

Published

on

Dopo l’episodio di aggressione ai danni di un militare la solidarietà dell’ammiraggio Carlone, comandante generale della Guardia Costiera

Castellammare di Stabia. Dopo l’episodio di aggressione di un militare della capitaneria di porto all’indomani di un’importante operazione di polizia giudiziaria volta al contrasto alla pesca di frodo dei datteri di mare è arrivato il gesto di vicinanza e solidarietà da parte dei vertici della Guardia Costiera. Quest’oggi infatti l’Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, Comandante generale della Guardia Costiera, si è recato in visita presso la Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, accolto dal Direttore Marittimo della Campania, Ammiraglio Ispettore Pietro Giuseppe Vella, e dal Comandante della Capitaneria porto, Capitano di Fregata Achille Selleri.

LEGGI ANCHE:
Pesca frodo datteri mare, deserfiticate porzioni costa Penisola Sorrentina

Il Comandante generale, nella sua prima visita ufficiale a un Comando territoriale, ha scelto di recarsi proprio presso il Comando di Castellammare di Stabia, per portare a tutto il suo personale la propria vicinanza. Il Comando stabiese, infatti, ha recentemente concluso, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, una complessa operazione di polizia giudiziaria volta a reprimere gravi reati per disastro ambientale collegati alla raccolta dei datteri di mare. Operazione, questa, a seguito della quale il personale della Capitaneria ha ricevuto unanimi apprezzamenti da parte di esponenti politici e istituzionali, nonché della collettività locale, da sempre sensibile al contrasto di tale fenomeno illecito. Tuttavia, a fronte degli ottimi risultati conseguiti, diversi sono stati anche gli attacchi con finalità intimidatorie ricevuti dal personale coinvolto nell’esecuzione di alcune delle 21 misure cautelari disposte dalla magistratura. La presenza del Comandante generale, ha inteso pertanto attestare la vicinanza e la completa fiducia del vertice della Guardia Costiera nell’operato degli uomini e delle donne della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia che, a similitudine dei colleghi operanti su tutto il territorio nazionale, tutelano quotidianamente l’ambiente marino e il suo prezioso habitat.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, entra in Capitaneria ed aggredisce militare: l’uomo è un indagato dell’ inchiesta sui datteri di mare

Continue Reading

Trending