Seguici sui Social

Cronaca

Covid, in Campania oltre mille guariti oggi. Superata la soglia critica delle Terapie Intensive

Pubblicato

il


Più di 3mila casi e circa mille guariti oggi. Ma in Campania è stata superata la soglia critica delle Terapie Intensive

Sono 3.657 i nuovi casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall’analisi di 23.479 tamponi. Dei 3.657 nuovi positivi (il 15,5% del totale dei tamponi esaminati) 430 sono sintomatici e 3.227 sono asintomatici. Il totale dei casi di coronavirus registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza è 121.942, mentre sono 1.331.959 i tamponi complessivamente esaminati. Nel bollettino odierno della Regione Campania sono inseriti 75 nuovi decessi, ma viene specificato che si tratta di decessi avvenuti tra il 3 e il 17 novembre. Sono 1.169 i nuovi guariti: il totale dei guariti in Campania è 25.643.

SOS Terapie intensive. In 17 regioni superata la soglia critica per le terapie intensive, ossia il limite del 30% di posti letto occupati da malati Covid (la media italiana e’ del 42%). E’ quanto rileva il monitoraggio dell’Agenas, aggiornato a ieri sera, in base una rielaborazione dei dati della Protezione Civile e del Ministero della Salute. Le regioni oltre la soglia sono Campania (34%), Emilia Romagna (35%), Lazio (32%), Liguria (53%), Lombardia (64%), Marche (45%), Provincia di Bolzano (57%), Provincia di Trento (39%), Piemonte (61%), Puglia (41%), Sardegna (37%), Toscana (47%), Umbria (55%), Valle d’Aosta (46%), mentre la Sicilia e’ al limite, al 30%. Non va meglio per i posti letto di ricovero ordinario: la media italiana e’ al 51% (la soglia di rischio in questo caso e’ del 40%), con 15 regioni oltre la soglia.

LEGGI  Via Roma chiusa, caos traffico in Centro

Cronaca

Gragnano, sconto tari del 20% a commercianti che resistono alla crisi del Covid

Pubblicato

il

Credito di imposta del 20% sulla tari 2021 per commercianti ed operatori turistici che resistono alla crisi del Covid

Gragnano. Il comune tende una mano alle attività commerciali che, alle prese dall’emergenza Coronavirus che ha portato ad un calo delle entrate, resistono e non chiudono mantenendo i livelli occupazionali. L’amministrazione guidata da Paolo Cimmino, utilizzando l’avanzo del ristoro previsto dalla Stato a favore degli enti locali nell’ambito del Decreto Ristori bis, ha predisposto che soggetti commerciali che hanno avuto un calo di vendita o dovuto chiudere le attività a causa dell’emergenza Coronavirus uno “sconto” straordinario a valere sul pagamento della Tari 2021. Il budget messo a disposizione è di 150 mila euro e verrà assegnato sulla base di un avviso pubblico e della verifica dei requisiti. Il contributo sarà, infatti, erogato solo al momento del pagamento della quota Tari 2021, mediante un meccanismo di riemissione dell’avviso con uno sconto del 20% da parte del concessionario alla riscossione Publiservizi. «Abbiamo utilizzato – spiega il primo cittadino – i risparmi del Decreto Ristori per sostenere lo sforzo di quasi tutti gli operatori commerciali e turistici di Gragnano. Si tratta di una misura che segnala il modo originale attraverso cui la fiscalità comunale può aiutare commercio e occupazione. Ci auguriamo di poter ripetere questa operazione anche nel 2022, in relazione al maggior peso dell’autonomia finanziaria degli enti locali. Il provvedimento adottato segnala come le buone pratiche dei Comuni possano sostenere la ripresa della nostra economia, soprattutto se ci sarà un’espansione dei trasferimenti dal centro agli enti locali». Mariarosaria Greco

LEGGI  Castellammare. Sorpreso mentre ruba in un negozio: preso
Continua a leggere