Seguici sui Social



Cronaca

Il Covid blocca Fratiell e Surelle, dal Centro Antico l’appello: “In strada solo la voce, gli altri a casa”

Pubblicato

il

PUBBLICITA


La Voce Votiva del Centro Antico: «In strada senza assembramenti, io ci sarò»

Castellammare di Stabia. L’emergenza Covid ferma la tradizione di Fratiell e Surelle, l’invito alla preghiera fatto da voci votive in strada all’alba. Non sarà possibile organizzare alcun corteo. Lo ha specificato anche ieri il Sindaco Gaetano Cimmino dopo una riunione al commissariato di polizia. Stop anche ai falò in Villa Comunale. Quest’anno non ci saranno perchè «non è possibile – fa sapere il Sindaco – creare assembramenti». Una decisione che però divide la città. Molti si sono schierati a favore di questa decisione in una città che ha oltre 1300 casi di contagio. Tanti invece chiedono che solo la voce votiva sia in strada senza creare situazioni di pericolo per la salute pubblica. «La voce votiva è la tradizione – scrivono in tanti sui social – il folclore no ed è giusto che non ci sia per rispetto di chi è in difficoltà».

Mentre qualche quartiere si sta organizzando per delle forme alternative di invito alla preghiera, Emanuele Tremante, Capo ultrà della Curva Sud e Voce Votiva nel Centro Antico da quasi vent’anni, fa sapere che questa notte starà in strada. «Scenderò stasera – dice a SOS Stabia – la Madonna Immacolata mi aspetta ma mi aspettano anche tanti fedeli, bambini e anziani che in questa fase particolare vogliono sentire la voce della Madonna. E’ giusto – prosegue – che non si faccia assembramento, non ci sarà musica, né processione. Io stasera starò da solo. Mai come adesso i quartieri e i fedeli hanno bisogno di questa voce».
Tremante ha fatto un appello anche agli altri quartieri. «Non fate esibizionismo, niente assembramento, né fuochi. La Madonna vuole sentire solo la voce. Dobbiamo rispettare il momento. Ci sono persone che piangono e soffrono in casa. Noi dobbiamo esserci anche per loro».
Poi l’invito al rispetto delle regole. «Diamo prova della nostra civiltà. Restiamo a casa, aspettateci dai balconi. Non è il momento di portare in strada bambini ed anziani alla processione».
Un appello anche al Sindaco Gaetano Cimmino.
«Gaetano – dice – ti ho sempre voluto bene e ti ho rispettato tu lo sai. Stai facendo bene per la città ma dai la possibilità di scendere solo alle voci senza creare assembramento. Ognuno si assuma la propria responsabilità così come lo faccio io. Nessuno scenda in strada».


Cronaca

Castellammare, altro raid nella notte: derubata panetteria

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Altro furto nella notte ai danni di un’attività commerciale. Questa volta è toccata ad una panetteria in Via Salita de Turris in pieno centro città. Amara sorpresa per i proprietari dell’attività che si sono trovati segni di effrazione alle serrande del negozio. Sul posto gli agenti del commissariato di Polizia di Castellammare di Stabia e gli uomini della sezione scientifica. Si tratta dell’ennesimo raid avvenuto nel corso della settimana a Castellammare di Stabia. Sono tutt’ora in corso i rilievi del caso. Da quantizzare l’entità del furto. Da un anno si perpetuano danni ai negozi, da un anno si cercano gli autori dei vari raid ma senza successo. emidav

Continua a leggere