Seguici sui Social

Politica

Appalto Nu, operazione verità di Scala (LeU) e Iovino (Pd): “Chiarezza su due anni di rifiuti”.

Pubblicato

il


“È ora di fare chiarezza. Non si può continuare in una linea di silenzio-assenso che pervade la città. Il solo grido di allarme dei consiglieri di opposizione non può bastare. La vicenda della gestione dei rifiuti da parte di questa amministrazione è eclatante”. Così i consiglieri comunali Francesco Iovino e Tonino Scala nella giornata di oggi hanno protocollato una nota per richiedere ad horas alcuni atti amministrativi relativi all’affidamento dell’appalto per i lavori di spazzamento, raccolta e smaltimento rifiuti sul territorio comunale. Documenti dal primo febbraio 2017 a oggi. Nella stessa hanno richiesto la determina del Dirigente del settore ambiente n. 2 del 31/01/2017. Il Contratto di appalto del servizio di raccolta integrata, trasporto, smaltimento e selezione dei rifiuti solidi urbani, gestione del centro di raccolta rifiuti comunale località Fondo D’Orto e servizi di igiene urbana. Nonché il verbale del passaggio di cantiere con l’indicazione nominativa e delle specifiche categorie e livelli dei lavoratori già in forza alla Castellammare Multiservizi S.P.A. e transitati al cantiere della Ego Eco s.r.l. assunti con contratto FISE, alla data del 24 febbraio 2014. Ed ancora l’elenco nominativo, con l’indicazione delle specifiche categorie e livelli, dei lavoratori attualmente impegnati nell’espletamento del servizio di raccolta integrata, trasporto, smaltimento e selezione dei rifiuti solidi urbani, gestione del centro di raccolta rifiuti comunale località Fondo D’Orto e servizi di igiene urbana sul territorio comunale. Infine, Scala e Iovino hanno chiesto anche l’elenco dettagliato delle unità mobili costituenti il parco automezzi utilizzato per l’espletamento del servizio.
“È giunto il momento a due anni e mezzo dall’insediamento del consiglio comunale di fare chiarezza su ciò che sta accadendo in questo delicato settore” concludono i capigruppo di Leu e Partito Democratico.


Politica

Cinque milioni per salvare la spiaggia di via De Gasperi: arrivano i fondi dal Viminale

Pubblicato

il

Quasi cinque milioni di euro per recuperare la piaggia di via De Gasperi. Il ministero dell’Interno ha assegnato il finanziamento milionario al Comune di Castellammare, con l’obiettivo di recuperare qualche metro di arenile e sottrarlo all’erosione.

In pratica si tratta di scogliere a «pennelli» che saranno posizionate lungo la costa a nord di Castellammare: in tutto 6 posti trasversalmente alla costa. Negli anni, infatti, gli edifici (molti dei quali capannoni dismessi) di via De Gasperi hanno dovuto fare i conti con il mare sempre più minaccioso. In qualche punto, addirittura, sono pochissimi i metri che dividono le proprietà private dalla battigia. Il tentativo, dunque, è quello di far arretrare il mare e avere una spiaggia più ampia. Arenile che, secondo le intenzioni dell’amministrazione, potrà essere dato in concessione in un futuro prossimo.

LEGGI  Castellammare. Quasi 12mila euro per allestire l'ufficio legale, Di Martino chiede chiarimenti con un'interrogazione

Interventi sono previsti, sempre attraverso posizionamento di scogliere, anche a Pozzano e precisamente in corrispondenza de «La Rotonda» e de «La Palombara», altri due punti che necessitano di attenzione.

Daniele Di Martino

Continua a leggere