Seguici sui Social

Cronaca

Covid, l’allert dell’ Unità di Crisi: “Castellammare comune ad alto rischio”

Pubblicato

il


Castellammare tra i primi comuni per rischio alto

Una previsione di oltre 254.000 casi di covid19 in Campania al 28 febbraio, rispetto ai 223.000 del primo febbraio. E’ l’allarme lanciato dall’Unità di Crisi della Regione sul Covid nella relazione emessa dopo l’ultima riunione per verificare l’incidenza dei contagi scolastici. Per questo la Regione ha elaborato sulla base degli algoritmi un sistema di alert territoriale per individuare Comuni, Province o Macro aree “soggette ad incremento dei contagi idonei ad impattare in maniera significativa sull’incidenza della malattia a livello regionale”. Il primo grande comune è Torre Annunziata, con una percentuale di positività del 21,4% e una differenza del 539% sulla media regionale. Nelle prime posizioni anche Castellammare di Stabia, Pompei, Salerno e Torre del Greco. A questa tabella si aggiunge la specifica dei contagi per fascia d’età, in base ai quali i sindaci dei singoli comuni possono valutare le misure da adottare. Tra i 145 inseriti nella lista non figura Napoli, che non supera la soglia di criticità ma, fa notare l’Unita’ di crisi, considerata la vastità e l’eterogeneità del territorio, è utile monitorare la situazione dei singoli quartieri attraverso la piattaforma ‘Sinfonia’ della Regione. Nell’area della città metropolitana di Napoli e particolarmente in quella di competenza dell’ASL Napoli 3 Sud si è registrato un significativo “boost” dei contagi, la cui natura è ancora oggetto di studio anche a livello molecolare per comprenderne le motivazioni. In particolare vengono portati gli esempi di Torre Annunziata, arrivata al 29,24% di tamponi positivi, e di Castellammare di Stabia, che il 7 febbraio ha toccato il 30,86% di tamponi positivi.  “L’analisi previsionale – sottolinea l’Unità di crisi nella relazione tecnica – non e’ mai stata interpretata come un approccio causalistico di tipo ‘magico’, ma come un approccio scientifico, non finalizzato alla predizione del futuro, ma all’analisi di possibili scenari e dell’andamento di un dato evento con il relativo impatto su ambienti, strutture ed eventi circostanti. Tale analisi, dunque, conferisce la possibilità di eventualmente adottare contromisure, di valutarne l’impatto e pertanto di essere di ausilio nei processi decisionali finalizzati a mitigazione o contenimento”.


Cronaca

San Leonardo, i sindacati chiedono l’annullamento del bando per i coordinatori di Pronto Soccorso

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Le organizzazioni sindacali FSI-USAE e Nursing Up, in una nota congiunta, chiedono l’annullamento del bando interno per la figura di coordinatore di Pronto Soccorso dell’ospedale San Leonardo.  «E’ l’ennesima beffa – scrivono – consentita dall’immobilismo dell’azienda in merito agli incarichi di funzioni e ciò è indice della chiara volontà di aumentare il caos e l’illegalità che da anni si perpetua nel merito». Secondo le organizzazioni sindacali i vertici sanitari « non hanno assunto un posizione chiara negli anni e sembra aver deciso di non decidere, in quanto da un lato emana disposizioni per stabilire apparenti regole e dall’altro lascia la gestione di un problema tanto atteso, ai singoli dirigenti delle Unità Operative e se non addirittura a sostituti, decidere chi di fatto diventa “coordinatore abusivo” che poi sarà legittimato dal tempo».  La richiesta di annullamento del bando nasce «da motivi di metodo e di merito» perchè «Il dirigente che ha firmato il bando non è competente a farlo».  Il Direttore di Unità Operativa Semplice del Pronto Soccorso «fa capo all’unità operativa complessa di Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza dove tali funzioni vengono svolte da – accusano – un altro coordinatore facente funzioni nominato per 60 giorni ma in carica da molto più tempo» inoltre nel bando si fa riferimento ad un articolo di legge ormai superato. I sindacati si chiedono se l’azienda «è a conoscenza che il 90% dei coordinatori è incaricato per 60 giorni ma rimangono per sempre, spesso andando in pensione senza risolvere il problema. L’azienda è a conoscenza del danno erariale? L’azienda ha presente che la mancata pubblicazione del bando a causa del caos degli incarichi di coordinamento blocca le posizioni degli ex amministrativi? Dopo oltre un anno – proseguono – si assiste ancora al fatto che un dirigente sostituto emana in perfetta solitudine un bando che chiede un coordinato per esigenza di servizio o esigenza di qualcuno?». Inoltre sarebbero diversi i coordinatori del San Leonardo che espletano le loro funzioni pur non avendone i titoli previsti.

Continua a leggere