Seguici sui Social

Politica

La Dc precisa: «Il partito è rappresentato da Coda, scelta per il rinnovamento»

Pubblicato

il

Aula-Consiliare

La parola d’ordine è «rinnovamento», ma anche «rafforzamento». E anche un modo per dire che la Democrazia Cristiana, a Castellammare, è rappresentata solo da Salvatore Coda, funzionario della Curia che ha ricevuto la nomina di coordinatore del partito stabiese. Un atto politico che di fatto sconfessa chi utilizza il simbolo della Dc in consiglio comunale.

La nota diramata dalla vecchia Balena Bianca è chiara: «In nome e per conto del Partito della Democrazia Cristiana e del Segretario Nazionale Onorevole Renato Grassi, si comunica che il Dott. Coda Salvatore, è stato nominato Coordinatore del Comune di Castellammare di Stabia. Una nomina che si inquadra nel rinnovamento del partito e del suo rafforzamento sul territorio. Al coordinatore Coda, persona dal comprovato valore umano che sicuramente contribuirà a portare avanti le istanze del partito della Democrazia Cristiana, gli auguri di buon lavoro dei vertici del partito». Firmato «il Commissario Provinciale Avv. Giuseppe Rosciano».

LEGGI  Castellammare, controlli straordinari dei carabinieri: in manette due spacciatori

Daniele Di Martino


Politica

La provocazione di Di Martino: il presidente uscente Ungaro sullo sfondo delle commissioni in videoCall

Pubblicato

il

Di Martino

Sarà una provocazione, sicuramente. Ma è curioso il siparietto che da giorni va in scena nelle commissioni 2.0 di Palazzo Farnese. Il protagonista è Andrea Di Martino, ex vicesindaco e sfidante di Gaetano Cimmino al ballottaggio del 2018.

L’esponente di Italia Viva ogni volta che appare in commissione, rigorosamente in videoCall per via dell’emergenza Covid, utilizza uno strano sfondo: la foto del presidente del consiglio uscente Vincenzo Ungaro, ormai dimissionario. Di Martino ha più volte chiesto alla maggioranza di non toccare la poltrona della presidenza del consiglio, in quanto Ungaro è stato eletto anche con i voti dell’opposizione. Da qui la provocazione di Di Martino, come per dire «Ungaro è anche il mio presidente». La cosa ha suscitato ilarità tra i banchi del centrodestra, tanto da indurre la consigliera Annamaria De Simone a utilizzare lo sfondo con la foto del sindaco Gaetano Cimmino. Insomma, la guerra degli «sfondi» nelle videoCall, a dimostrazione del momento delicato che vive la politica stabiese.

LEGGI  Morta in diretta Fb la signora Rosa: la donna viveva in roulotte con il marito

Daniele Di Martino

Continua a leggere