Seguici sui Social

Cronaca

Distrutta la cartellonistica dei sentieri sui Monti Lattari, il Club Alpino: “Non ci arrendiamo”

Pubblicato

il

Monti Lattari

Il presidente dell’Ente Parco: «Siamo arrabbiati perché c’è ancora chi distrugge e non protegge»

Agerola. Distrutta la segnaletica che indica i percorsi dei sentieri in località Colle S.Angelo. La denuncia è del Club Alpino Italiano Monti Lattari, che racchiude Cava dei Tirreni, Castellammare di Stabia ed il Consorzio Turistico Amalfi di Qualità, che ha postato sui social le immagini dei cartelli distrutti. «Non ci arrendiamo» commentano così l’episodio. C’è – aggiungono – chi crea e chi distrugge, chi vuole promuovere il territorio e chi è chiuso nella propria arroganza».

LEGGI ANCHE:
Monte Faito, arriva la mozione dell’ opposizione: «Acquisire il 50% della città Metropolitana»

Sulla vicenda è intervenuto anche Tristano Dello Ioio, Presidente dell’Ente Parco dei Monti Lattari, che si è detto arrabbiato «perchè c’è ancora chi distrugge e non protegge. Siamo arrabbiati perché il verde è patrimonio di tutti e ci sono ancora in giro vandali che non lo capiscono. Solidarietà al Cai Monti Lattari per la segnaletica distrutta sull’Alta via dei Monti Lattari, al Colle S.Angelo. Come Parco Regionale dei Monti Lattari siamo al vostro fianco ogni giorno, ripristiniamo subito quanto distrutto e difendiamo con digità e orgoglio i nostri meravigliosi parchi e sentieri».


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com