Seguici sui Social

Politica

Ditta delle pulizie del Comune in odore di camorra, il sindaco: «Così l’abbiamo cacciata»

Pubblicato

il

ditta delle pulizie del comune in odore di camorra


«Facciamo pulizia. Noi la facciamo, ogni giorno». Il sindaco Gaetano Cimmino riannoda i fili e fa chiarezza sulla ditta di pulizie in odore di camorra, tirata in ballo da un pentito. Un’azienda riconducibile ai D’Alessandro, secondo il collaboratore di giustizia.
«Uno dei primi casi inseriti nella cosiddetta “Operazione Pulizia” dell’amministrazione comunale riguarda il servizio di pulizia a Palazzo Farnese» fa sapere il primo cttadino.
«Era il 27 luglio 2018 – racconta – quando con una nota dettagliata ho chiesto al segretario generale dell’epoca, Monica Cinque, di relazionare in merito ai criteri con cui gli uffici competenti avevano provveduto a prorogare il servizio di pulizia e a determinare gli importi dei ribassi, specificando tra l’altro se agli atti risultavano lettere di contestazione. Una nota a cui il segretario aveva risposto evidenziando di aver riscontrato due atti non conformi, relativi rispettivamente ad una proroga e alla conseguente liquidazione relative al 2017, definendo alcune prescrizioni di cui gli uffici di settore non avrebbero tenuto conto. Ebbene, all’esito di tale nota, il 17 settembre 2018 ho deciso di inviare un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata per chiedere di approfondire in merito alle procedure di assegnazione del servizio. E da allora nessuna proroga è stata più accordata alla ditta presso codesto ente.
Emerge poi, dalle indagini recenti di cui racconta la stampa, che la ditta risulta attenzionata a seguito delle dichiarazioni di alcuni pentiti di camorra. L’Operazione Pulizia riguarda tutta una serie di accertamenti ed approfondimenti che l’amministrazione sta mettendo in campo sin dal 2018. Tante sono le denunce e le segnalazioni inoltrate alle forze dell’ordine ed alle Procure competenti, per una gestione amministrativa trasparente e scevra da qualsiasi profilo di illegittimità ed illegalità».


Politica

ELEZIONI | Berlusconi capolista a Napoli, Patriarca favorita all’uninominale. In FdI spunta De Angelis

Pubblicato

il

ditta delle pulizie del comune in odore di camorra

Berlusconi capolista a Napoli. E’ questa l’ultima indiscrezione che corre in Forza Italia a pochi giorni dalla presentazione delle liste. Ma nel gioco delle candidature non è ancora stato definito lo scacchiere sul piano locale. Nel collegio stabiese sembra aver preso di nuovo quota la candidatura di Annarita Patriarca, direttamente caldeggiata da Tajani, all’uninominale. Un’insidia potrebbe essere Antonio Milo se l’Udc dovesse spuntarla nell’indicare un candidato nel collegio stabiese-torrese. E continua a giocarsi una carta Nello Di Nardo per essere inserito nel listino plurinominale dietro a un big del partito.

In Fratelli d’Italia si allarga la pattuglia stabiese che tenta l’approdo in parlamento. Oltre a Luigi Bobbio, ex sindaco e parlamentare di An, ormai verso il collegio di Napoli, spunta anche la candidatura di Giovanni De Angelis, ex assessore proprio della giunta Bobbio. Quello di De Angelis è uno dei nomi degli aspiranti candidati approdati sul tavolo di Giorgia Meloni e di Francesco Lollobrigida. Mentre a Napoli i grandi favoriti sono Michele Schiano, Sergio Rastrelli, Marta Schifone, anche se destinata verso un collegio blindato forse in Lombardia.

La Lega dovrebbe puntare su Tina Donnarumma in una posizione utile nel listino bloccato. C’è da fare a sportellate con i big del carroccio napoletano, vale a dire Severino Nappi, Gianluca Cantalamessa e Pina Castiello.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica