Seguici sui Social


Politica

Ditta delle pulizie del Comune in odore di camorra, il sindaco: «Così l’abbiamo cacciata»

Pubblicato

il


«Facciamo pulizia. Noi la facciamo, ogni giorno». Il sindaco Gaetano Cimmino riannoda i fili e fa chiarezza sulla ditta di pulizie in odore di camorra, tirata in ballo da un pentito. Un’azienda riconducibile ai D’Alessandro, secondo il collaboratore di giustizia.
«Uno dei primi casi inseriti nella cosiddetta “Operazione Pulizia” dell’amministrazione comunale riguarda il servizio di pulizia a Palazzo Farnese» fa sapere il primo cttadino.
«Era il 27 luglio 2018 – racconta – quando con una nota dettagliata ho chiesto al segretario generale dell’epoca, Monica Cinque, di relazionare in merito ai criteri con cui gli uffici competenti avevano provveduto a prorogare il servizio di pulizia e a determinare gli importi dei ribassi, specificando tra l’altro se agli atti risultavano lettere di contestazione. Una nota a cui il segretario aveva risposto evidenziando di aver riscontrato due atti non conformi, relativi rispettivamente ad una proroga e alla conseguente liquidazione relative al 2017, definendo alcune prescrizioni di cui gli uffici di settore non avrebbero tenuto conto. Ebbene, all’esito di tale nota, il 17 settembre 2018 ho deciso di inviare un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata per chiedere di approfondire in merito alle procedure di assegnazione del servizio. E da allora nessuna proroga è stata più accordata alla ditta presso codesto ente.
Emerge poi, dalle indagini recenti di cui racconta la stampa, che la ditta risulta attenzionata a seguito delle dichiarazioni di alcuni pentiti di camorra. L’Operazione Pulizia riguarda tutta una serie di accertamenti ed approfondimenti che l’amministrazione sta mettendo in campo sin dal 2018. Tante sono le denunce e le segnalazioni inoltrate alle forze dell’ordine ed alle Procure competenti, per una gestione amministrativa trasparente e scevra da qualsiasi profilo di illegittimità ed illegalità».


Pubblicità

Politica

Vaccinati mille disabili in tre giorni. Antonio Coppola: «Accelerata decisiva per la campagna vaccinale»

Il responsabile dell’Asl Napoli 3 Sud: «Assicurata una copertura alle fasce più deboli e ai loro familiari»

Pubblicato

il

Mille vaccini in tre giorni. Grazie al protocollo d’intesa sottoscritto tra l’Unità operativa anziani fragili-demenza e tutte le strutture residenziali per pazienti fragili dell’Asl Napoli 3 Sud, è stato possibile accelerare la campagna vaccinale. Nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì sono state effettuate le somministrazioni a circa mille tra disabili e i rispettivi familiari.
A coordinare le operazioni il dottor Antonio Coppola, che guida per conto dell’Asl Napoli 3 la fase operativa della campagna vaccinale. L’Azienda sanitaria si è fatta carico della parte organizzativa e formativa del personale in forza alle strutture residenziali, fornendo tutto il materiale e il supporto informatico utile alla registrazione dei vaccini sulla piattaforma regionale. L’unità guidata dal dottor Coppola ha preventivamente formato il personale attraverso webinar, mantenendo il collegamento in videoconferenza anche durante le operazioni di somministrazione dei vaccini.
«E’ un importante passo in avanti per la campagna vaccinale – dichiara Antonio Coppola – In pochi giorni abbiamo assicurato una copertura alle fasce più deboli e alle loro famiglie, come ha voluto il presidente De Luca e come disposto dalla direzione strategica dell’Asl Napoli 3. In questa fase è decisiva la cooperazione con le strutture sanitarie private, così da dare un’accelerata decisiva alla campagna vaccinale».

Continua a leggere

Trending