Seguici sui Social

Politica

Ditta delle pulizie del Comune in odore di camorra, il sindaco: «Così l’abbiamo cacciata»


Pubblicato

il

«Facciamo pulizia. Noi la facciamo, ogni giorno». Il sindaco Gaetano Cimmino riannoda i fili e fa chiarezza sulla ditta di pulizie in odore di camorra, tirata in ballo da un pentito. Un’azienda riconducibile ai D’Alessandro, secondo il collaboratore di giustizia.
«Uno dei primi casi inseriti nella cosiddetta “Operazione Pulizia” dell’amministrazione comunale riguarda il servizio di pulizia a Palazzo Farnese» fa sapere il primo cttadino.
«Era il 27 luglio 2018 – racconta – quando con una nota dettagliata ho chiesto al segretario generale dell’epoca, Monica Cinque, di relazionare in merito ai criteri con cui gli uffici competenti avevano provveduto a prorogare il servizio di pulizia e a determinare gli importi dei ribassi, specificando tra l’altro se agli atti risultavano lettere di contestazione. Una nota a cui il segretario aveva risposto evidenziando di aver riscontrato due atti non conformi, relativi rispettivamente ad una proroga e alla conseguente liquidazione relative al 2017, definendo alcune prescrizioni di cui gli uffici di settore non avrebbero tenuto conto. Ebbene, all’esito di tale nota, il 17 settembre 2018 ho deciso di inviare un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata per chiedere di approfondire in merito alle procedure di assegnazione del servizio. E da allora nessuna proroga è stata più accordata alla ditta presso codesto ente.
Emerge poi, dalle indagini recenti di cui racconta la stampa, che la ditta risulta attenzionata a seguito delle dichiarazioni di alcuni pentiti di camorra. L’Operazione Pulizia riguarda tutta una serie di accertamenti ed approfondimenti che l’amministrazione sta mettendo in campo sin dal 2018. Tante sono le denunce e le segnalazioni inoltrate alle forze dell’ordine ed alle Procure competenti, per una gestione amministrativa trasparente e scevra da qualsiasi profilo di illegittimità ed illegalità».


Continua a leggere

Politica

Lastre di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola

Il Comune programma la bonifica per oltre 11mila euro

Pubblicato

il

amianto

Lastre e canne fumarie di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola. Il Comune, nel tentativo di effettuare un sopralluogo per la riqualificazione dell’immobile di fondazione ottocentesca del quartiere San Marco, si è imbattuto nella presenza di rifiuti speciali pericolosi. Così è stato programmato l’intervento per oltre 11mila euro

Per Villa Gabola e il suo parco è in corso la redazione di un progetto finalizzato alla “Realizzazione di un centro di aggregazione giovanile, Art Factory” con finanziamento europeo. Al momento è in corso la progettazione definitiva dell’interventi, ma si rende necessaria l’attività di bonifica al fine di consentire l’accesso in sicurezza dei progettisti incaricati del servizio di redazione del progetto definitivo ed esecutivo, dal momento che è stata rilevata la sospetta presenza di fibre amianto contenute all’interno del manufatto.

Continua a leggere

Trending