Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, si dimette tutta la commissione toponomastica

Pubblicato

il

Castellammare

Mancanza di collaborazione con l’Amministrazione, la commissione si dimette in tronco

 

E’ bufera nel settore toponomastica a Castellammare di Stabia. Si dimette la Commissione Toponomastica ed Onomastica stradale. Con una lettera a mezzo pec, il Presidente della Commissione, Raffaele D’Arco, ha comunicato agli organi istituzionali di Palazzo Farnese, Sindaco e Presidente del Consiglio, le dimissioni dell’intera commissione.I motivi riportati nella lettera di dimissione sarebbero da ricercare nella “mancata collaborazione” dell’ Amministrazione ai lavori della Commissione stessa. Nella lettera, infatti, si legge che più volte la commissione ha lamentato la mancanza di un “segretario verbalizzante” che, secondo regolamento dovrebbe fornirlo l’Ente. Cosa mai avvenuta.

L’elemento scatenante della decisione dei Commissari, però, è da individuare nella mancata convocazione della Commissione per la realizzazione (evento e lavori al centro di aspre polemiche nei giorni scorsi) del Viale degli Artisti. Addirittura i commissari lamentano «che la Commissione non è stata né consultata né messa a conoscenza delle recenti intitolazioni di luoghi pubblici vedendo così vanificate le proprie funzioni istituzionali»
Intitolazione fatta soltanto qualche giorno fa, che era già stata rimandata dalla scorsa settimana a causa di “problemi tecnici”, ma che ha visto al centro delle polemiche sia i lavori alle rappresentazioni scultoree e sia le targhe esplicative delle opere stesse. Dai semplici errori di inquadramento del testo fino all’errore in alcuni nomi degli artisti stessi. Passando anche per gli errori sulle opere.
Sulle dimissioni della Commissione Toponomastica la minoranza in Consiglio Comunale ha fatto un’interrogazione al sindaco ed all’ assessore al ramo:
Interrogazione
Al sindaco e all’ assessore al ramo
I sottoscritti consiglieri comunali hanno appreso in data odierna delle dimissioni della intera commissione toponomastica.
La commissione composta da emerite personalità stabiesi, di valenti studiosi e ricercatori, è dal dicembre scorso che sollecita l’amministrazione a mettere a disposizione una unità verbalizzante dei lavori della stessa. Unità indispensabile alla possibilità di riunirsi sulla base della delibera che istituisce la commissione.
I membri in carica avevano anche chiesto, con successiva missiva, di potersi riunire in remoto considerando la registrazione della riunione verbale pro veritate.
A queste missive non vi è stata alcuna risposta.
Nello scorso consiglio comunale il Sindaco interpellato dalle opposizioni aveva garantito una soluzione rapida del problema
Nel frattempo si è provveduto ad inaugurare il viale degli artisti senza riunire la commissione ed acquisire i relativi pareri, e il lavoro è stato anche corredato da una serie di errori ed imprecisioni che con una partecipazione più attenta e collettiva da parte di esperti, si sarebbe potuta evitare.
Considerando che la commissione toponomastica opera e si riunisce senza percepire alcun emolumento.
Si interroga per sapere
Il motivo per cui è stato reso impraticabile il lavoro di un organismo così autorevole ed importante.
Castellammare 1 giugno 2021
I consiglieri
Andrea Di Martino – Stabia L@b Italia Viva
Eutalia Esposito – Partito della città
Giovanni Nastelli – Uniti per Stabia
Francesco Nappi – Movimento 5 stelle
Tonino Scala – Leu

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.