Seguici sui Social

Politica

Parcheggio Antiche Terme, approvato il progetto: via libera al bando

Pubblicato

il

parcheggio antiche terme

Dopo il sì della giunta, è stato approvato anche il progetto esecutivo del parcheggio delle Antiche Terme. Un via libera alla gara d’appalto per individuare l’impresa che si occuperà del restyling. E’ infatti previsto un parcheggio a raso per la sosta di auto e motoveicoli. L’area oggetto d’intervento si estende per circa 4.100 metri quadrati, destinata alla sosta di autovetture, specie durante la stagione estiva per l’utenza dei lidi balneari.

Nell’area saranno creati complessivamente 156 stalli di sosta a raso di cui 114 destinati alle autovetture e 42 ai motoveicoli. Saranno presenti inoltre stalli per i diversamente abili in ragione uno stallo ogni 50.

Sul fronte di Via Acton è prevista la sistemazione del muro perimetrale con l’abbattimento di antichi caseggiati un tempo insistenti nell’area, e la realizzazione di nuovo cancello scorrevole in acciaio in corrispondenza dell’ingresso con apposizione di recinzione metallica a protezione del meccanismo scorrevole. Inoltre, come detto sopra, verrà aperto vano d’ingresso pedonale comunicante con un sistema di rampe per disabili. Un progetto da oltre 600mila euro.

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.