Seguici sui Social

Politica

Mancano tre dissidenti, centrodestra in panne: salta l’incontro su Marina di Stabia e Fincantieri

Le assenze di Di Maio, Maresca e Federico fanno saltare il banco: la maggioranza ora scricchiola

Pubblicato

il

mancano tre dissidenti


Un centrodestra ormai in panne, incapace di garantire il numero legale negli incontri cruciali su Marina di Stabia e Fincantieri. E’ quanto è accaduto ieri, quando era programmata la conferenza dei capigruppo per mettere in calendario gli appuntamenti più importanti della consiliatura. E invece è bastata l’assenza di tre capigruppo, che secondo voci provenienti da Palazzo Farnese sono a tutti gli effetti i nuovi dissidenti, per far saltare il banco. Un avviso non di poco conto al sindaco Gaetano Cimmino, alle prese non solo con problemi politici, ma impegnato a gestire la difficile fase della verifica della commissione d’accesso.

A far mancare il proprio apporto sono state Barbara Di Maio e Enza Maresca, già da qualche tempo sull’Aventino. Lamentano la poca condivisione delle scelte dettate dal sindaco in consiglio comunale, non ultimo l’improvviso cambio di rotta su Marina di Stabia e Autorità Portuale. Alla luce di molti, in maggioranza, il sindaco sta giocando una partita da solo: «Vuole fare il Maradona della situazione, ma lui un Maradona non è…» è quanto trapela da voci provenienti dalla maggioranza.

Antonio Federico è un altro consigliere entrato nel «club» dei dissidenti. Federico lamenta la scarsa attenzione per il centro antico e uno sbilanciamento verso la periferia nord. Anche la compagna di banco Annamaria Maiello sarebbe sulla stessa scia del consigliere del centro antico.

Tutti i nodi stanno venendo al pettine. E con la commissione d’accesso che a breve stilerà la relazione e gli equilibri sottili della maggioranza, rischia di diventare un percorso a ostacoli l’esperienza di Gaetano Cimmino alla guida della città.

Daniele Di Martino


Politica

Castellammare volta la faccia a Di Maio, solo Cirillo tentato dal ministro

Il Movimento Cinque Stelle stabiese compatto con Conte. Il consigliere regionale deve sciogliere ancora la riserva

Pubblicato

il

mancano tre dissidenti

Mentre Luigi Di Maio fa campagna acquisiti nei consigli comunali della provincia di Napoli, a Castellammare sembra tutti schierarsi con Giuseppe Conte. Nessuna emorragia per i grillini stabiesi. Le stesse deputate Carmen Di Lauro e Teresa Manzo si sono schierate sin dal primo momento con il Movimento. Anche tra gli iscritti ed ex consiglieri comunali, nessuno è stato attirato dalle sirene di Luigi Di Maio. +

L’unico che starebbe valutando l’ipotesi di abbracciare “Insieme per il Futuro” è Luigi Cirillo, consigliere regionale eletto nel movimento Cinque Stelle per la seconda volta tra i banchi del centro direzionale. Del resto in Regione sono in tanti a seguire il ministro degli Esteri, compresa la Ciarambino. Ci sarebbe addirittura un accordo per entrare in maggioranza, come infatti l’invito di De Luca a Di Maio è stato quello di creare insieme una grande forza riformista. E quindi avanti con le grandi manovre.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica