Seguici sui Social

Cronaca

Fincantieri, De Luca: «Tutelare polo cantieristico»


Pubblicato

il

Incontro in regione tra il Presidente De Luca e vertici dell’autorità portuale

Castellammare di Stabia. Tutelare il polo cantieristico. A dirlo è il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a seguito dell’incontro questa mattina a Palazzo Santa Lucia con i vertici dell’Autorità Portuale del Mar Tirreno Centrale per un confronto sul futuro di Fincantieri. Nella stessa giornata è previsto un incontro in Prefettura al quale parteciperanno anche i vertici dell’Azienda. La questione è tutta relativa agli investimenti sul porto di Castellammare di Stabia, terzo porto in Campania, che potrebbe ridimensionare l’attività dello stabilimento navale stabiese. Una preoccupazione che avvolge gli operai e che venerdì scorso li ha visti coinvolti in una manifestazione cittadina.

LEGGI ANCHE:
Fincantieri, Ricci (CGIL): «Nessuna speculazione a Castellammare»

Nel corso dell’incontro in Regione Campania «E’ stata ribadita l’indispensabilità di tutelare e valorizzare il Polo Fincantieri di Castellammare di Stabia, per cui è altrettanto indispensabile conoscere le ipotesi di investimento che lo riguardano. – si legge nella nota – la Regione Campania ha ribadito l’impegno a supportare tali investimenti, necessari per potenziare anche le infrastrutture cantieristiche di Castellammare. Gli interrogativi che attendono risposte ad oggi riguardano l’azienda e il Governo, quindi quali sono le produzioni cantieristiche che Fincantieri intende concentrare a Castellammare e qual è l’impegno del Governo per il potenziamento del Polo cantieristico. Sarebbe davvero intollerabile – ha dichiarato il Presidente De Luca – che alle tante crisi industriali del nostro territorio si aggiungesse anche un disimpegno su Castellammare». emidav


Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Castellammare, rivoluzione strisce blu: aumenta la sosta a pagamento in centro

Cambia la tariffa in centro e in periferia

Pubblicato

il


Castellammare di Stabia. Aumenta la sosta a pagamento nelle strisce blu in centro e diminuisce invece in periferia. E’ il piano stabilito dall’amministrazione comunale che sta predisponendo tutti gli atti per la nuova gara che vedrà l’affidamento del servizio di sosta a pagamento nella città di Castellammare di Stabia per i prossimi cinque anni. Attualmente questo tipo di lavoro è svolto dalla società Tmp. Le nuove tariffe prevedono una diminuzione del costo lungo le strade periferiche ed un aumento per le vie del centro. La sosta costerà due euro ogni ora dopo la prima che costerà sempre un euro mentre in periferia costerà cinquanta centesimi. Non ci sarà, almeno per ora, una tariffa differenziata tra residenti e non residenti come avviene anche in alcuni comuni limitrofi.

Tra le strade che vedranno l’aumento c’è tutta la “fascia costiera” da via Duilio all’intero Corso Garibaldi passando anche per strade interconnesse come Corso Vittorio Emanuele, parte di Corso De Gasperi, Via Gaeta, Via Michetti, Traversa Palazzo Terme, Traversa del Marinaro, Via Santa Maria dell’Orto e via IV Novembre. L’intervento rientra nell’ambito del nuovo piano urbano di mobilità voluto dall’amministrazione comunale a guida Gaetano Cimmino. L’aumento della sosta ha come obiettivo quello di disincentivare l’utilizzo delle automobili per raggiungere il centro città ed incentivare l’impiego di mezzi pubblici o ecosostenibili. L’annuncio di questa rivoluzione l’anno scorso e non furono poche le polemiche come del resto per tutto il piano di mobilità. Il nuovo “prezzario” andrà in vigore non prima del 2022 quando ci sarà una nuova impresa a gestire il servizio della sosta a pagamento.

 

Leggi anche: 
Castellammare, senso unico su Via Napoli: residenti sul piede di guerra

Continua a leggere

Trending