Seguici sui Social

Politica

Terme, Cimmino spegne l’allarme dei 5 Stelle: “Presto intesa con la Regione”

Pubblicato

il

terme


Sono piacevolmente sorpreso nel riscontrare che lonorevole Manzo finalmente si sia ricordata di Castellammare, dopo tre anni e mezzo in cui ha prodotto un intervento costellato di gaffe in Parlamento, senza mai una proposta prodotta per la nostra città e i nostri territori. Sarebbe bastato alzare il telefono e raccogliere informazioni presso lamministrazione comunale, o persino presso i suoi riferimenti regionali, per evitare di raccontare storie prive di fondamento sulla vicenda Terme. Così Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia.

Comprendo, tuttavia, la preoccupazione dei cittadini rispetto ad un tema che a tutti noi sta molto a cuore. – ha continuato il primo cittadino – E ci tengo a fare chiarezza. La Regione Campania nellestate 2019 aveva pubblicato un bando per il rilascio o il rinnovo delle concessioni delle acque minerali e termali, in cui nel modello di istanza chiedeva in allegato la certificazione inerente alle caratteristiche di fatturato dei due anni precedenti listanza di rilascio. Un avviso pubblico per soggetti privati, dunque, che escludeva di fatto ogni chance di aggiudicazione per qualsiasi ente pubblico.

Quando nel luglio 2020 il bando è andato ufficialmente deserto, abbiamo avviato uninterlocuzione con la Regione facendo notare lanomalia. E la stessa Regione ha ammesso limprecisione, assicurando che avrebbe riproposto il bando con requisiti che dessero spazio anche alla partecipazione degli enti pubblici. Lonorevole Manzo si rivolga piuttosto ai suoi riferimenti regionali per comprendere come mai il nuovo avviso pubblico non sia ancora stato emanato dalla Regione Campania.

E proprio con la Regione Campania e con il Mise abbiamo avviato una forte interlocuzione, che va tuttora avanti per la sottoscrizione del protocollo dintesa che vede coinvolti i due enti e il Comune di Castellammare di Stabia allo scopo di definire i reciproci impegni e le linee guida con cui accompagnare gli investitori nel percorso di rilancio delle Terme. Un protocollo dintesa che, è bene chiarirlo, siamo stati noi a predisporre integralmente e ad inoltrare agli altri enti già nel febbraio 2021.

Riguardo alle procedure avviate dal Mise per i Contratti di Sviluppo, ben vengano queste opportunità, che sono già al vaglio dei nostri uffici per comprendere le eventuali modalità di partecipazione alla procedura. Nella speranza che lonorevole Manzo, dopo le innumerevoli gaffe, si faccia promotrice finalmente degli interessi della città”.


Politica

Crollo al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari

Pubblicato

il

terme

Crollo di un palazzo abbandonato al Caporivo, il Comune ordina la messa in sicurezza ai proprietari. In tutto sono 13 gli eredi e sono stati raggiunti dalla notifica di un’ordinanza contingibile e urgente firmata dal commissario Raffaele Cannizzaro. Gli uffici del settore tecnico hanno al momento messo in sicurezza l’area di Largo Marchese de Turris, o meglio conosciuta come piazzetta del Caporivo, transennando l’area del crollo avvenuto il 14 agosto scorso. Ma sarebbero necessarie ulteriori verifiche per escludere pericoli per l’incolumità pubblica.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica