Seguici sui Social

Attualità

Comprare casa all’asta nel 2021: vantaggi e rischi per chi vuole fare il grande passo

Pubblicato

il

casa


Voglia matta di comprare casa, quella che fa battere il cuore, ma è all’asta? Potrebbe essere un enorme vantaggio economico per il possibile acquirente, questa situazione non va vista assolutamente in modo negativo. Purché ovviamente se ne conoscano approfonditamente i meccanismi per non cadere in errori madornali facilmente evitabili.

I numeri relativi alle case comprate tramite aste immobiliari sono in netta ascesa tanto che sono sempre più gli interessati ad interfacciarsi a questo settore rispetto al classico libero mercato. Sul podio troviamo Lombardia, Lazio e Toscana con focus sulle città di Lecco, Latina e Roma.

Dati che fanno ben sperare per tutti quelli che sono allettati ma temono possa celare insidie nascoste. In realtà comprare case all’asta è tra le operazioni più trasparenti e pulite attualmente sul mercato. Ovviamente affidarsi ad esperti del settore è la scelta migliore perché permette di snellire le lunghe pratiche burocratiche e avere presto in mano tutte ciò che serve per concludere la trattativa in atto. Tra i leader italiani Dove.it che dal 2018 opera con estrema professionalità nella preparazione della documentazione e della gestione della compravendita in tutte le sue fasi.

Trasparenza e chiarezza delle informazioni che sono fornite ai clienti senza alcuna discriminazione economica o di genere, inoltre ogni asta è sempre impeccabile visto che appena un immobile viene pignorato si procede quasi immediatamente a stilare una perizia tecnica che funge da parte integrante dell’ordinanza di vendita.

Si tratta di avere in mano fin da subito un’istantanea sulla condizione dello stabile, metratura, eventuali opere di bonificazione necessarie, il suo effettivo valore e la situazione di mercato in cui si trova. Tale procedura è reperibile presso la Cancelleria del Tribunale ma anche presso lo studio del professionista incaricato.

Tutte le informazioni contenute nella perizia possono essere consultabili da ogni privato cittadino sul Portale delle Vendite Pubbliche dove facilmente si potrà constatare anche il prezzo di vendita e il prezzo minimo di rialzo richiesto in asta.

L’agenzia sarà in grado di guidare il cliente anche in quelli che sono i termini della presentazione delle offerte e la procedura di vendita – che può essere con o senza incanto –, come pagare l’ammontare d’asta e le tempistiche da rispettare prima di concludere tutta l’operazione, fino al richiedere eventualmente un mutuo alla banca per pagare il saldo.

Affidarsi ad un consulente aste professionista che possa seguire tutti i passaggi, dalla ricerca dell’immobile, l’analisi dettagliata della perizia sino all’asta vera e propria che conduce, nel migliore dei casi, ad ottenere la casa dei propri sogni, permette di operare sin da subito in totale trasparenza e sicurezza. Perchè aspettare ancora?


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Mercato del lavoro in Campania: dati contrastanti, ecco perché

Pubblicato

il

casa

Nel mese di aprile in Campania sono stati attivati oltre mille contratti di lavoro in meno rispetto al mese precedente: 29.660, a fronte dei 30.920 di marzo, con una riduzione che riguarda in modo particolare il settore dell’edilizia e quello manifatturiero. A segnalarlo è il Bollettino del Sistema Informativo Excelsior che è stato proposto da Anpal e Unioncamere e propone previsioni occupazionali per le aziende italiane. Va comunque detto che tra il mese di aprile del 2021 e quello del 2022 i contratti in più sono stati 7mila. Secondo le stime, il trimestre di aprile, maggio e giugno dovrebbe garantire più di 28mila opportunità di lavoro supplementari rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.

Se è vero che entro la fine di giugno in Campania il mercato occupazionale vedrà la sottoscrizione di circa 100 mila contratti nuovi, è altrettanto vero che sarà necessario tenere in considerazione una componente di professionalità non facile da trovare. Infatti, sempre in base alle informazioni che si possono ricavare dal Bollettino di Unioncamere e Anpal, è molto probabile una risposta mancata per quasi il 33% delle richieste, vale a dire una su tre. Un problema che potrebbe essere almeno limitato se la formazione professionale fosse più aderente alla quotidianità e più accurata.

Quello che viene ricoperto dalle agenzie è un ruolo di primaria importanza, dal momento che esse fungono da vettori di connessione tra la richiesta di lavoro e l’offerta: per questo motivo esse offrono un supporto indispensabile a tutte le aziende impegnate nella ricerca personale qualificato,  tra queste segnaliamo la Jobtech, la prima realtà tutta italiana specializzata nel recruiting e nonché la prima agenzia 100% digitale.

Infatti, ci sono alcuni settori in cui le difficoltà sono più evidenti: per esempio la difficoltà di trovare sul mercato gli operatori della cura estetica supera il 59%, ma anche l’assunzione di camerieri e cuochi si dimostra più impegnativa del previsto. Solo ad aprile ci sarebbe stata la possibilità di assumere quasi 3mila conduttori di mezzi di trasporto, eppure superava il 53% la possibilità di non riuscire a reperire una figura ad hoc.

Il report sottolinea che per le imprese la difficoltà di trovare un direttore o dirigente è di oltre il 78%, e in un caso su due il nocciolo della questione è rappresentato dalla mancanza di candidati. Ecco perché emerge ancora di più il valore del lavoro che viene svolto dalle agenzie di recruiting per velocizzare e garantire il personale qualificato alle società che ne necessitano.

Foto di aymane jdidi da Pixabay

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica