Seguici sui Social

Politica

«Un piano regolatore per il verde cittadino», la proposta di Michele Starace

Il consigliere di opposizione ha presentato una mozione da votare in aula


Pubblicato

il

«un piano regolatore per il verde cittadino»

Un piano regolatore per il verde cittadino. E’ la proposta del consigliere comunale di opposizione Michele Starace, che ha presentato una mozione da portare in aula.

«Nel nostro Comune sono presenti diverse aree verdi che andrebbero curate ed ampliate – scrive Starace – ogni qual volta si presentino eventi di meteo avverso di una certa entità vengono causati danni a cose e/o persone derivanti da una scarsa manutenzione del verde pubblico». In più c’è da registrare «la trascuratezza ed il degrado in cui vengono lasciati molte siepi, piazze e/o i nostri boschi di Quisisana restituiscono un’immagine impropria alla nostra città»

Secondo Michele Starace «l’adozione di un Piano del Verde, nel rispetto delle suddette linee guida del Ministero, rappresenta uno strumento necessario nell’ottica di una pianificazione di sviluppo della Città in una prospettiva ecosistemica finalizzata a mitigare gli effetti della futura urbanizzazione». Anche perché diversi comuni italiani si stanno premunendo di un piano per donare alla città una regolamentazione chiara ed unica circa il verde pubblico.

Da qui la proposta di «un Censimento del Verde (mediante software di tipo GIS) contenente una rilevazione ed un’analisi di dettaglio sulle caratteristiche del verde pubblico (giardini, alberate e boschi) delle aree urbane e periurbane periodicamente aggiornato e pubblicato sul sito internet del comune».

La proposta impegna l’amministrazione a mettere in piedi «il Programma degli Interventi sul Verde pubblico, che dettaglia le modalità di esecuzione degli interventi manutentivi e di valorizzazione e ne programma l’effettuazione; che pianifica le modalità di attuazione degli interventi di estensione e sviluppo del verde pubblico; che permette la pianificazione della spesa e degli interventi di manutenzione e di estensione nel breve, medio e lungo periodo». Ma anche «Le norme sulla tutela, progettazione, l’attuazione, la manutenzione del verde pubblico e privato e indicazioni relative a situazioni particolari, come interventi di ingegneria naturalistica in aree degradate, difesa della vegetazione in aree di cantiere, difesa del suolo in aree urbane, ecc.».

Infine si propone «la Consulta del Verde che ha lo scopo di incentivare la partecipazione della cittadinanza sulle questioni relative alla gestione e allo sviluppo del verde urbano ed è composta da rappresentanti di associazioni di volontariato con finalità di tutela dell’ambiente e degli animali e da singoli cittadini con specifiche competenze sul verde urbano».

La mozione di Starare in sostanza impegna la giunta «ad avviare il percorso e l’iter amministrativo necessario alla redazione e all’adozione di un Piano regolatore del verde pubblico comunale “sulla base degli indirizzi e dei contenuti sanciti nelle linee guida per la gestione del verde urbano pubblicate dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare”», ma anche «a predisporre una mappatura periodica delle situazioni del verde più problematiche sul territorio comunale; al fine di agevolare questa mappatura, predisporre sul sito del Comune uno spazio dedicato alla gestione del verde dove anche i Cittadini possano segnalare le situazioni problematiche, avviando nel contempo una campagna di informazione sull’uso dello stesso». Infine «un piano di manutenzione sia ordinario che straordinario del verde, pubblicando la calendarizzazione degli interventi».


Continua a leggere

Politica

GRAGNANO | Aule pericolanti, il sindaco chiude una parte della scuola Roncalli

Nello D’Auria firma un’ordinanza per impedire l’utilizzo delle aule inagibili

Pubblicato

il


Aule pericolanti, il sindaco chiude parzialmente la scuola Roncalli. In seguito a un sopralluogo dei funzionari comunali presso il plesso scolastico “Roncalli” di via Croce, è emersa «la presenza diffusa di fenomeni di ossidazione delle armature delle strutture portanti verticali ed orizzontali (travi e pilastri), delle armature dei travetti dei solai con conseguente espulsione del copriferro e sfondellamento degli stessi, con rottura e distacco dei blocchi in laterizio, ed inoltre in alcune aule si è riscontrata la presenza di fenomeni di infiltrazione di acqua piovana provenienti dalla copertura, dove il manto bituminoso di protezione è in diverse parti ammalorato/danneggiato» si legge nel verbale di sopralluogo.
Per questo motivo il sindaco Nello D’Auria ha firmato un’ordinanza per interdire alcune zone del plesso, in particolare le aule numero 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7 – 8, il laboratorio primavera e l’aula magna” al piano terra, così come le aule numero 13 – 14 – 15 e il Laboratorio di informatica” al primo piano.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica