Cronaca

Castellammare, in sella a bici elettriche modificate: sanzioni per 20mila euro

Sequestrate sei biciclette, sanzioni per guida senza patente, senza casco e mancanza di copertura assicurativa

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Sanzioni per 20mila euro a seguito di controlli mirati alle biciclette elettriche ad opera dei carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia con il supporto dei tecnici della Motorizzazione Civile di Bari per il controllo dei veicoli a due ruote elettrici, spesso utilizzati come biciclette ma modificati fino a raggiungere prestazioni tipiche degli scooter.

Grazie alla pedana mobile calibrata e utilizzata da personale tecnico della Motorizzazione, fondamentale per accertare in tempo reale la velocità dei veicoli, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno controllato decine di bici elettriche. In totale sono 6 le bici sequestrate perché risultate alterate. Montando un vero e proprio acceleratore e isolando i pedali, le bici erano veri e propri motocicli che superavano il limite di velocità imposto dalla norma. I proprietari sono stati sanzionati per guida senza patente, guida senza casco, mancanza di copertura assicurativa e dei certificati di immatricolazione e circolazione per un importo complessivo circa 20mila euro.


Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Exit mobile version