Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, insulti al Sindaco Cimmino. La solidarietà del CSA

Il Coordinamento Sindacale Autonomo esprime solidarietà al Sindaco per gli insulti ricevuti la vigilia dell’Immacolata

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Insulti nei confronti del primo cittadino Gaetano Cimmino offeso da alcuni ragazzi prima dell’accensione del falò dell’Immacolata in Piazzale Licerta, nel Centro Antico. Un coro «Cimmino tu sei un figlio di…» fatto partire da alcuni giovani e ripreso in un video che è finito sulla scrivania del Sindaco oltre ad aver fatto il giro dei gruppi social della città.

L’episodio sarebbe da ricondurre al divieto di accensione dei fuochi nei quartieri e ai sequestri di legna nei giorni antecedenti alla festa dell’Immacolata ma che racchiude anche il malcontento per la gestione della città in special modo nel Centro Antico dove gli stessi residenti si sentono abbandonati dalla politica. «Quegli insulti – ha scritto sui social Gaetano Cimmino – fanno male non tanto a me quanto ancora una volta alla città intera. Non posso tollerare una città che si arrende all’illegalità, vedo occhi spenti che non riescono a vedere le potenzialità di questa terra. Quella brava gente – prosegue il Sindaco ricordando l’episodio del manichino bruciato a Moscarella – avrebbe dovuto insultare i camorristi che nel 2018 hanno tramutato la tradizione in una vergogna nazionale. In quel momento, quella notte di tre anni fa, abbiamo raggiunto un punto da cui è complicatissimo tornare indietro e cancellare tutto». Agli insulti è arrivata la vicinanza del Coordinamento Sindacale Autonomo (CSA) del Comune di Castellammare di Stabia rappresentato dai dirigenti Sindacali Pasquale Bonifacio e Emilio Pagano che hanno espresso «la loro piena solidarietà al Sindaco Cimmino ed a tutta l’Amministrazione Comunale, dissociandosi dai cori vergognosi ed offensivi che “alcuni” cittadini hanno proferito in occasione della Notte dell’Immacolata. Tutti noi siamo legati alle tradizioni appunto, attenendoci alle regole ed al rispetto di esse e della Città tutta, visto anche che tali comportanti indicibili, purtroppo riflettono un’ immagine di questa città indecorosa ed ingiusta, sia a livello regionale che nazionale. Siamo convinti – concludono i due esponenti sindacali – che il dissenso deve essere esercitato ed è necessario, ma deve essere manifestato nei modi democratici e civili consentiti». emidav


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy