Seguici sui Social

Cronaca

Covid, De Luca: «La Campania regge, prudenza a Natale»

Il Governatore della Campania invita alla prudenza annunciando già i primi 2mila prenotati per il vaccino di fascia 5-11 anni

Pubblicato

il

De Luca


La Campania, al momento, regge.  Sono tre i casi gravi, anche un bimbo di nove anni e tutti non vaccinati. Negli ospedali la situazione è stabile e i contagi non registrano picchi. Ma il governatore Vincenzo De Luca, invita, comunque, alla prudenza soprattutto durante le feste di Natale. Altrimenti la situazione, dice, potrebbe crollare di nuovo. Da un lato c’è un lato positivo, la ripresa della campagna di vaccinazione dall’altro il tasso di incidenza continua a salire, oggi è al 4, 58% e, soprattutto, nelle ultime due settimane c’è una fascia d’età che è stata particolarmente colpita dai contagi, ed è quella dei bimbi di età compresa tra i 5 e gli 11 anni.

«Nelle ultime due settimane, ed è un dato abbastanza preoccupante – ha detto De Luca – abbiamo avuto un numero di 3042 contagi per bimbi della fascia di età dai 5 agli 11 anni. Il 16 dicembre inizierà la vaccinazione per i bambini e la partenza lascia bene sperare visto che ad oggi sono registrati per ricevere la prima dose già 2mila bimbi tra 5 e11 anni».

Intanto si registrano tre casi gravi di malati Covid, compresi pazienti in età pediatrica. Due ricoverati in terapia intensiva, pazienti di 9 e 26 anni, e in area critica un 57enne. Tutti non vaccinati. «Se i più grandi si sono vaccinati, e in tanti ancora non lo sono, forse si potrebbe evitare la vaccinazione dei più piccoli – afferma De Luca – Ma i dati dicono che la campagna di vaccinazione va fatta e soprattutto va affrontata con grande serenità visto che non desta qualunque preoccupazione. Ci avviamo verso settimane e mesi di lento ritorno alla normalità, alla vita – ha spiegato il Governatore – i quasi due anni che abbiamo alle spalle di epidemia Covid hanno prodotto non solo danni economici e sanitari, hanno prodotto una condizione di vita quasi disumanizzata. Abbiamo perduto rapporti umani, familiari, sono stati due anni di chiusure e di paure che hanno prodotto danni soprattutto sulla popolazione più giovane, soprattutto sui nostri bambini. Anche per questo dobbiamo fare di tutto per tornare quanto più rapidamente possibile alla vita normale, agli affetti delle nostre famiglie, agli incontri con i nostri amici, ad una vita pienamente umanizzata. Ma questo vuol dire che dobbiamo essere, come andiamo ripetendo da mesi, tutti responsabili. Dipende da noi». Registrata inoltre un’accelerata sulla campagna di vaccinazione. «Contiamo entro l’anno di arrivare a 10 milioni di somministrazioni di vaccini nella nostra regione», osserva De Luca nella consueta diretta social del venerdì pomeriggio. «Stiamo lavorando per potenziare orari, personale – spiega – nei tre, quattro mesi scorsi non c’era nessuno e abbiamo anche dovuto chiudere qualche centro, ora abbiamo un sovraccarico di lavoro e, quindi, stiamo cercando di potenziare le strutture per evitare lunghe file». Quanto alla “tenuta” della Campania al momento «c’è da stare sereni». Negli ospedali, sottolinea il governatore «c’è una buona tenuta per l’occupazione di posti letto. In area medica sono sui 350, un dato che rimane stabile da 2-3 settimane – aggiunge – in intensiva 25 posti letto occupati, nessuna mancanza». Secondo l’ultimo bollettino emanato dalla protezione civile regionale, nelle ultime 24 ore sono 1.665 i casi positivi al Covid su 36.340 test esaminati.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Una nuova croce sul Monte Pendolo di Pimonte, rimossa la vecchia struttura in ferro

Dal primo luglio al via i lavori per il posizionamento di una nuova croce

Pubblicato

il

De Luca

Pimonte. Dopo Sessant’anni la croce su Monte Pendolo a Pimonte è stata rimossa. Sarà però sostituita con una nuova molto più alta ed imponente. La struttura sarà alta 12 metri e larga 6 e inoltre sarà completamente illuminata. Lo scorso 25 giugno sono iniziati i lavori di smontaggio e dal primo luglio, secondo programmi, inizieranno quelli di montaggio della nuova che è quasi ultimata. Un intervento reso anche necessario per questioni di sicurezza della struttura.

Coordinatore del progetto è stato Carmine Amodio che ha anche lanciato una raccolta fondi. Questa iniziativa – si legge nello scopo della raccolta – è nata dalla libera volontà di ridare il giusto splendore alla Croce del Monte Pendolo, che sovrasta gli Splendidi Comuni di Pimonte, Gragnano, Castellammare di Stabia, Lettere, Casola, Santa Maria la Carità, Sant’Antonio Abate, Pompei ed altre Città limitrofe !!!Questa raccolta fondi e stata creata con lo scopo di sensibilizzare tutti sul tema. Dopo alcuni incontri e sopralluoghi, l’idea si è evoluta ed oltre all’illuminazione il progetto ora prevede anche la sostituzione della Croce e dell’attuale base di cemento che verte in condizioni pericolose. Attraverso questa raccolta, provvederemo a coprire i costi, ovvero la costruzione della base dove sarà fissata la Croce, l’acquisto e l’installazione delle luci, il pagamento delle utenze».

CLICCA QUI PER CONTRIBUIRE 

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica