Seguici sui Social

Cronaca

Stabiese armato in giro a Gragnano: arrestato

In manette anche un 24enne per spaccio di droga


Pubblicato

il

Gragnano

Gragnano. Servizio straordinario di controllo del territorio a Gragnano per i Carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia. I militari hanno identificato 45 persone, controllato 31 veicoli e perquisito le abitazioni di 9 persone sottoposte a misure detentive presso le proprie abitazioni. A finire in manette Armando de Martino, 40enne di Castellammare di Stabia già noto alle forze dell’ordine. I Carabinieri lo hanno fermato in via Trivioncello mentre era alla guida della sua auto. Il 40enne è apparso insofferente durante il controllo ed i militari hanno deciso di perquisirlo. Nel suo marsupio una pistola marca Beretta calibro 9 con matricola abrasa e colpo in canna. Arrestato, è stato trasferito al carcere in attesa di giudizio. Dovrà rispondere di porto illegale di arma clandestina e ricettazione.
Durante le operazioni i carabinieri hanno anche arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 24enne del posto incensurato. Il ragazzo è stato fermato e controllato a via Starza mentre era a bordo della sua auto. Era in possesso di 11 grammi di marijuana, 1 bilancino di precisione e 3 coltelli a serramanico. La perquisizione si è estesa presso l’abitazione del 24enne e lì i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato altri 14 grammi della stessa sostanza stupefacente, 5 semi di canapa indiana, 1 altro bilancino di precisione e diverso materiale per il confezionamento della droga. L’arrestato è in attesa di giudizio. Durante i controlli è stata rinvenuta anche un’auto priva di targhe. I Carabinieri hanno accertato che l’auto fosse stata rubata il 19 novembre scorso a Salerno ed hanno contattato il legittimo proprietario.


Continua a leggere

Cronaca

(VIDEO) Castellammare, cade dal balcone di casa: muore in attesa dei soccorsi. Caos nel Centro Antico

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Momenti di tensione nel Centro Antico per il ritardo di un mezzo di soccorso chiamato dopo che una donna è caduta dal balcone di casa. Un volo dal primo piano di uno stabile in Via Caporivo, cuore del Centro Antico. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia e i militari della compagnia di Castellammare di Stabia.

I fatti. Poco dopo le 20.30 una donna, in corso di identificazione, è precipitata dal balcone di un’abitazione ed è caduta al suolo ma era ancora in vita sebbene le diverse fratture riportare. Alcuni passanti hanno chiesto l’intervento di un’ambulanza che è arrivata dopo circa mezz’ora. Quando i soccorritori sono giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della donna morta a seguito delle ferite riportate in attesa del 118. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta, sono in corso tutti i rilievi del caso. Da capire soprattutto se la donna si sarebbe potuta salvare se soccorsa prima.

Si cercano eventuali testimoni per ricostruire l’esatta dinamica del tragico evento. La pista più accreditata resta quella del suicidio. Rabbia tra i residenti della zona, raccolti anche in una video denuncia, per il ritardo dei soccorsi. emidav

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica