Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, le opposizioni chiedono un consiglio comunale urgente su Meridbulloni

«Serve una discussione seria per trovare soluzione di reinserimento nel ciclo produttivo degli operai esclusi»

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Un consiglio comunale monotematico ed urgente sulla vertenza ex Meb. E’ la richiesta presentata dalle opposizioni al sindaco pro tempore Gaetano Cimmino e alla Presidenza del Consiglio Comunale dopo il ritorno in presidio a Via De Gasperi di alcuni operai fuoriusciti dal ciclo produttivo. «Come opposizione abbiamo appena depositato – fanno sapere sui social – la richiesta di convocazione urgente di Consiglio comunale monotematico per discutere della vertenza Meb. Siamo profondamente preoccupati per il futuro dei lavoratori. Occorre una discussione seria per poter trovare una soluzione di reinserimento nel ciclo produttivo di tutti gli operai esclusi. Non si può continuare ad attendere e la politica deve fare la sua parte». emidav

LEGGI ANCHE: 
Ex Meb, un anno dopo: «Abbandonati dalla politica»

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.