Cronaca

Scuole, il Codacons pronto a denunciare Castellammare e altri 70 comuni per interruzione di pubblico servizio

Pubblicato

il

La vicenda relativa alla chiusura delle scuole in Campania, riaperte poi dal Tar che ha accettato il ricorso presentato all’ordinanza di De Luca, sembra non finire. In effetti ad essere sospesa è solo l’ordinanza di De Luca, restano in vigore quelle dei Sindaci che hanno facoltà di revocarle o meno. Ed è per questo che il Codacons, associazione dei consumatori, ha deciso di denunciare per interruzione di pubblico servizio i comuni nei quali l’ordinanza non è stata revocata. Castellammare di Stabia compreso. «E’ inaccettabile e assolutamente non condivisibile – scrivono in una nota a firma di Matteo Marchetti, vice segretario nazionale del Codacons – la decisione sconsiderata di alcuni sindaci campani di tenere ancora oggi e per i prossimi giorni chiuse le scuole. Per questo motivo in caso di chiusura procrastinata, si procederà a denunciare alle Procure della Repubblica competenti i sindaci dei comuni per il reato di interruzione di servizio pubblico». Sono oltre 70 i comuni che attraverso i sindaci hanno adottato ordinanza per posticipare il rientro in classe degli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, Cimmino non ritira l’ordinanza: restano chiuse le scuole


Rispondi

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Exit mobile version