Seguici sui Social

Politica

Marcia contro la camorra, il gonfalone di Castellammare in prima fila. Nel corteo anche gli aspiranti sindaci

La commissione antimafia spinge il vessillo stabiese in testa al corteo. Presenti il segretario Pd Peppe Giordano e due nomi per il futuro di Palazzo Farnese: Diego Belliazzi e Gigi Vicinanza

Pubblicato

il

Il gonfalone del Comune di Castellammare in prima fila, al fianco dei comuni di Napoli e Torre Annunziata. Un mare di studenti, amministratori e volontari che sfilano per il centro di Napoli in marcia contro la camorra, nella giornata nazionale contro ogni mafia. Nel corteo anche gli esponenti politici stabiesi di centrosinistra e qualche aspirante sindaco.

Significativa la “posizione” del gonfalone stabiese, volutamente avanti a tutto il corteo, come da indicazioni della commissione antimafia che si è insediata a seguito dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche. A far sfilare lo stemma di Castellammare c’erano tre agenti di polizia municipale e uno dei componenti della commissione prefettizia.

Non è passata inosservata la presenza di alcuni attivisti di Libera di Castellammare, ma soprattutto esponenti del Pd stabiese. Uno su tutti : il segretario Peppe Giordano. Nel corteo anche il coordinatore dei giovani Democratici, Andrea Buonocore.

E poi anche alcuni aspiranti sindaci come Diego Belliazzi, dirigente provinciale del Pd e stabiese doc. Oppure Gigi Vicinanza, giornalista e direttore del Mav di Ercolano, il cui nome circola con insistenza per la svolta a Palazzo Farnese (anche se finora ha sempre smentito!).

Daniele Di Martino


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com