Seguici sui Social

Cronaca

Monti Lattari, il parco che vorrei. Confronto tra esperti e amministratori sul futuro del territorio

Simposio organizzato da Ente Parco e Fondazione Monti Lattari. Il vice presidente regionale Fulvio Bonavitacola: «Come Regione sosteniamo il lavoro dell’Ente»

Pubblicato

il

Monti Lattari

Si è tenuto nella giornata ieri il confronto per discutere del futuro del Parco dei Monti Lattari.  Il simposio intitolato “Monti Lattari | Il parco che vorrei”, ha rappresentato un momento formativo e di confronto tra la comunità tecnico-scientifica ed i portatori di interesse del territorio, volto alla diffusione delle conoscenze riguardanti lo studio del territorio del Parco con una panoramica alle modalità e alle opportunità di risanamento, potenziamento, tutela e valorizzazione, ai recenti sviluppi scientifici e tecnologici nel settore ed a casi studi di successo.

All’appuntamento ha partecipato il vice presidente della giunta regionale della Campania, Fulvio Bonavitacola: “Si tratta di un’iniziativa meritoria perché l’ente parco si sta ponendo un problema corretto non solo quale vigile sentinella di tutela del Parco e delle sue bellezze paesaggistiche, interpretando bene il ruolo di garante dei vincoli ma anche con una prospettiva operativa e propositiva: cioè come utilizzare queste grandi risorse per un’idea di sviluppo del territorio. E questo ci vede attenti e disponibili a forme di sostegno che come regione possiamo dare” la sua dichiarazione.

Si è, così, avviato un processo di aggiornamento del quadro delle conoscenze territoriali al fine di fornire le basi per la redazione di uno strumento di pianificazione attento alle mutate esigente tecnico-normative e territoriali, nel rispetto dell’ambiente e dei comparti strategici del territorio di riferimento. Stella polare sarà la tutela e la valorizzazione dell’ambiente che rappresentano un’esigenza fondamentale per assicurare il benessere e il progresso della società e del territorio. La maggiore consapevolezza dei problemi legati alla limitatezza delle risorse naturali, alla conservazione del paesaggio, al risanamento degli ecosistemi naturali e al contrasto dei fenomeni di degrado ambientale hanno molto spesso portato a politiche fortemente conservative nelle aree protette con effetti complessivi di rallentamento delle azioni di sviluppo sostenibile del territorio.

“Crediamo fortemente nel lavoro che oggi presentiamo perché la tutela dell’ambiente, la valorizzazione della sua sostenibilità sono il viatico per una crescita che sia anche economica di questo territorio. Crediamo in una gestione che si apra alle città: dialoghiamo con i sindaci, con gli esperti, con le istituzioni per trovare la sintesi delle esigenze e farne un percorso comune. La presenza del vice presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, è la conferma che la strada che abbiamo intrapreso è giusta e va perseguita fino in fondo” dichiara il presidente del Parco dei Monti Lattari, Tristano Dello Ioio.

“Oggi noi siamo chiamati a discutere del predetto piano, che secondo gli auspici del Presidente del Parco e della Regione dovrà essere la sintesi tra le esigenze dei territori, che i sindaci rappresentano e delle quali sono portavoce, e il rispetto della normativa vigente che gli esperti relatori ci illustreranno.

Sintesi che potrà essere realizzata solo attraverso l’ascolto e il confronto di tutti i soggetti coinvolti, un Piano che non essendo calato dall’alto, ma frutto del lavoro comune, saprà e dovrà coniugare la doverosa e fondamentale salvaguardia dell’ambiente e del territorio alla altrettanto importante esigenza di sburocratizzazione che ci chiedono le comunità locali, gli operatori economici che vogliono investire nel nostro straordinario territorio” le parole di Mariella Verdoliva, Presidente della Fondazione del Parco dei Monti Lattari.


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy