Seguici sui Social

Politica

Via libera per i tuffi sul litorale di via De Gasperi, ancora uno stop per la villa comunale

Confermato il divieto di balneazione per l’arenile con un’ordinanza del commissario Cannizzaro

Pubblicato

il

Divieto di balneazione in villa comunale, ma ci si potrà tuffare sull’arenile in via De Gasperi. Il commissario prefettizio Raffaele Cannizzaro ha firmato l’ordinanza per vietare i tuffi sulla spiaggia della villa, nel tratto che va da via traversa Mele a piazza Principe Umberto, essendo stata classificata “scarsa” la qualità delle acque secondo l’Arpac. Questa volta, però, a differenza degli anni precedenti, non è stata firmata l’ordinanza di divieto per via De Gasperi, dove le acque sono state classificate “sufficiente” per il tratto dell’ex Cartiera e “eccellente” per la spiaggia a ridosso di Marina di Stabia. Una piccola svolta per Castellammare, dopo un lavoro durato anni e volto alla chiusura degli scarichi abusivi. Provvedimenti che risalgono all’amministrazione Pannullo e poi proseguito dalla giunta Cimmino in continuità con quanto fatto in precedenza.

Resta, però, appeso il piano spiagge, che l’amministrazione Cimmino non è riuscita a portare a termine a causa dello scioglimento.

Daniele Di Martino


Pubblicità
2 Commenti

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com