Seguici sui Social

Politica

L’Asl privatizza le cure domiciliari e il trasporto, sindacati sul piede di guerra

Duro documento di Cgil, Cisl, Uil, Fials e Nursing Up

Pubblicato

il

L’Asl privatizza le cure domiciliari e il trasporto degli infermi, i sindacati sono sul piede di guerra. Con un duro documento unitario di Cgil, Cisl, Uil, Fials, Nursing Up, indirizzato al direttore generale, esprimono tutto il dissenso: « In riferimento alle delibere citate in oggetto, dove si evince la chiara volontà politica di affidare a terzi, servizi strategici e pezzi del sistema pubblico quali cure domiciliari e trasporto infermi, esprimiamo tutto il nostro dissenso, la nostra disapprovazione, il nostro assoluto distacco – si legge nel documento – Riteniamo che questi servizi debbano essere assolutamente a gestione pubblica, prestazioni dirette da parte di operatori del SSN, al fine di fornire ai cittadini e ai lavoratori, il massimo delle garanzie possibili.
Spesso questi appalti non risolvono neppure il paventato risparmio economico, ma altro non sono che autentiche penalizzazioni nei riguardi dei lavoratori, molto spesso sottopagati, ai quali vengono applicati contratti assai fantasiosi con regole mai condivise e rispettate. Ci saremmo aspettati, considerato l’altissimo numero di precari presso la nostra azienda, un atteggiamento diverso indirizzato al superamento del precariato nelle strutture pubbliche che passi attraverso la sempre più internalizzazione dei servizi.

Dobbiamo prendere atto invece, che si vuole continuare a percorrere il sentiero della provvisorietà, della incertezza, della insicurezza. Ci saremmo aspettati più coraggio dopo la tempesta pandemica, che ha dimostrato che c’è da edificare un nuovo modello di Sanità del territorio, altro che esternalizzare.

Il Covid ha messo in risalto ed ha accentuato la necessità di un contesto pubblico forte, di dare risposte e assicurazioni necessarie che purtroppo sono mancate. Dobbiamo avere un’altra visione del futuro, ripercorrendo quelli che erano i principi fondanti del SSN, in attesa delle risorse che il PNRR distribuirà alle varie aziende sanitarie affinché la sanità sia sempre più “pubblica” e per tutti.

Pertanto, questa politica aziendale tesa alle esternalizzazioni, da noi non condivisa, va rivista e ridiscussa».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com