Seguici sui Social

Politica

Castellammare, Iovino: «Non sono indagato ma mi auto-sospendo per rispetto del PD»

L’ex consigliere comunale dem intercettato con un esponente del clan si auto-sospende dal Partito

Pubblicato

il

Iovino-Castellammare


Castellammare di Stabia. «Sgombro il campo e sollevo da qualsiasi incomodo la comunità democratica, autosospendendomi dal PD per rispetto alla comunità democratica medesima che ho avuto l’onore di rappresentare in tanti anni, pur sottolineando, ad inchiesta conclusa, che non sono stato oggetto di alcun provvedimento di qualsiasi natura». Lo dice sui social Francesco Iovino, ex consigliere comunale di Castellammare di Stabia e capogruppo PD, finito nella bufera dopo essere stato intercettato durante un incontro con un esponente del clan D’Alessandro.
Su Iovino nella mattinata di oggi il segretario PD Metropolitano aveva presentato già richiesta di espulsione e nel pomeriggio l’ex consigliere ha deciso di sospendersi dal partito annunciandolo su Facebook: «Vivo con sommo dispiacere ma altrettanta fermezza e determinazione la vicenda mediatica che in queste ultime ore mi ha investito – ha scritto – Sgombro il campo e sollevo da qualsiasi incomodo la comunità democratica, autosospendendomi dal PD per rispetto alla comunità democratica medesima che ho avuto l’onore di rappresentare in tanti anni, pur sottolineando, ad inchiesta conclusa, che non sono stato oggetto di alcun provvedimento di qualsiasi natura Lo ritengo doveroso ed opportuno anche al fine di tutelare la mia persona ed tanti cittadini che hanno da sempre confidato nel mio operato. Nelle prossime ore sono impegnato nella ennesima tornata elettorale che mi deve in prima linea al servizio della rappresentanza sindacale nel mio luogo di lavoro, cosa che mi impedisce nella immediatezza di incontrare gli organi di informazione. Tuttavia, settimana prossima sarà mia cura convocare una conferenza stampa nella quale sarò a disposizione per ricostruire fatti e circostanze e rendere un servizio alla verità dei fatti».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica