Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare. Tuffi vietati e balli sull’arenile dei veleni in Villa Comunale

Studenti in gita si tuffano sull’arenile dei veleni a Castellammare di Stabia

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Tuffi vietati in Villa Comunale e balli sull’arenile killer di Castellammare di Stabia. Un gruppo di studenti in gira nella Città delle Acque ha scelto, probabilmente anche per assenza di segnaletica su tutto il tratto di spiaggia, l’arenile stabiese per un tuffo al tramonto.

I ragazzi, ospiti in una struttura stabiese, alla vista dell’immenso lungomare hanno pensato bene di tuffarsi e trascorrere del tempo sulla spiaggia ignari della scarsa qualità dell’acqua che non la rende balneabile e dell’inquinamento della sabbia. Proprio questa mattina il commissario prefettizio coordinatore, Prefetto Raffaele Cannizzaro, ha firmato un’ordinanza di divieto di balneazione nello specchio d’acqua antistante la Villa Comunale dopo gli ultimi prelievi dell’ARPAC che hanno dato esito negativo nonostante miglioramenti dagli ultimi anni a questa parte. Buona notizia invece riguarda il litorale nord dove l’agenzia regionale per l’ambiente ha classificato in buona l’acqua che bagna tutta la costa di Via De Gasperi e fino a Marina di Stabia.

LEGGI ANCHE: 
Via libera per i tuffi sul litorale di via De Gasperi, ancora uno stop per la villa comunale


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com