Seguici sui Social

Attualità

Da WhatsApp a Telegram, quali sono le app di messaggistica più utilizzate

Pubblicato

il

WhatsApp

Le app di messaggistica hanno soppiantato i tradizionali SMS nel giro di pochi anni, diventando gli strumenti preferiti per comunicare con gli altri in maniera immediata e in genere gratuita. Ma quali sono le più utilizzate al mondo? Vediamo insieme gli ultimi dati.

WhatsApp

Praticità e convenienza: ecco perché le app di messaggistica piacciono

Le applicazioni dedicate allo scambio di messaggi tramite smartphone si sono imposte in questi ultimi anni come uno dei principali strumenti di comunicazione per diversi motivi: questi agili software installabili sui dispositivi mobili e, sempre più spesso, utilizzabili anche da PC, si presentano infatti come un’opzione vantaggiosa sia dal punto di vista economico che delle funzioni disponibili. Uno dei primi aspetti da considerare è proprio quello della possibilità di usare gratuitamente queste app, sfruttando una rete internet che permetta di inviare e ricevere dati, una differenza non da poco con i tradizionali messaggi di testo che circolano sulla linea telefonica, per i quali è prevista l’applicazione di una tariffa da parte dell’operatore.

Un altro dei motivi per cui gli utenti hanno sin da subito amato le app di messaggistica, preferendole agli SMS, è il fatto di poter disporre di diverse funzioni al di là del semplice invio dei messaggi testuali. In molti casi, infatti, queste app sfruttando le tecnologie di live streaming permettono anche di effettuare videochiamate di coppia o di gruppo, rappresentando una valida alternativa allo stesso telefono. Così come accaduto nel mondo dei giochi, dove portali come PokerStars Casino hanno sfruttato il live streaming per creare situazioni di partecipazione contemporanea ai vari tavoli, gli sviluppatori delle app di messaggistica hanno saputo integrare tutti i vantaggi di questa tecnologia per rendere le comunicazioni più coinvolgenti e immediate.

Le caratteristiche citate accomunano più o meno le varie app di messaggistica oggi presenti online, sebbene ognuna di esse cerchi di differenziarsi per uno o più punti di forza in particolare. Le statistiche, in ogni caso, premiano gli operatori del settore, che vedono aumentare i download e il numero di utenti attivi, come dimostrano gli ultimi dati resi noti riguardo al 2021.

WhatsApp, l’app più utilizzata a livello mondiale

Com’era facile prevedere, WhatsApp è l’applicazione di messaggistica attualmente più usata a livello globale. Dall’Europa all’America, fino alle aree più remote dell’Asia e dell’Africa, WhatsApp copre con i suoi servizi quasi tutto il mondo, risultando fuori dalla top 3 delle app di comunicazione solo in pochi Paesi, come Cina, Giappone e Corea del Sud.

Il successo di WhatsApp, nata come app indipendente e successivamente entrata a far parte del gruppo Facebook, è dato sia dal fatto di essere stato uno dei primi servizi di questo genere a imporsi sul mercato, sia dalle numerose funzioni offerte, che spaziano dalle videochiamate all’invio di foto, video e documenti, caratteristica molto interessante per tutti coloro che necessitano di scambiare file di vario genere in modo più veloce rispetto alla classica e-mail o ai servizi di file sharing.

Per capire quanto WhatsApp sia diffusa, basta leggere il dato relativo agli utenti attivi mensilmente (MAU), che nel 2020 aveva già raggiunto i 2 miliardi.

WhatsApp

Japanese woman playing on her phone

Facebook Messenger, la chat di casa Zuckerberg

Grande successo anche per Facebook Messenger, l’app di messaggistica collegata al social network Facebook. Inizialmente Messenger rappresentava una funzione integrata alla piattaforma social creata da Mark Zuckerberg, ma col tempo ha assunto sempre più i connotati di un’app a se stante, utile per contattare privatamente non soltanto la propria cerchia di amici “social”, ma anche per inviare messaggi ad altri utenti privati e a pagine aziendali.

A gennaio 2021, il dato relativo agli utenti mensili su Facebook Messenger ha raggiunto 1,3 miliardi di persone, con picchi di preferenza da parte degli utenti nordamericani (sia Stati Uniti che Canada) che utilizzano iOS, i quali la premiano come l’app più popolare sul digital store di riferimento.

Telegram, l’app che sfida i colossi della messaggistica

A essere premiata dalle statistiche più recenti è anche Telegram, applicazione più giovane ma che in poco tempo è riuscita a ritagliarsi una importante fetta di mercato, grazie anche a scelte che hanno portato il brand a differenziarsi da quelli già più noti e diffusi. Telegram, che conta ormai oltre 500 milioni di utenti attivi mensili con tassi di crescita del 25% annuo, si caratterizza soprattutto per una più marcata attenzione ai temi della privacy e per la possibilità di creare canali privati dedicati alle tematiche più disparate.

Proprio quest’ultimo aspetto ha favorito la crescita di Telegram come strumento per creare community di varia natura in cui persone con gli stessi interessi possono messaggiare liberamente, oltre che come importante canale informativo e promozionale per media e aziende.


Clicca per commentare

Rispondi

Attualità

La cafonata del giorno: Lamborghini parcheggiata in villa comunale

Pubblicato

il

WhatsApp

Il lungomare stabiese viene scelto da tanti come set per le proprie foto, ma c’è chi esagera. Si festeggia il matrimonio e per l’occasione si prende una super car: a questo punto, perchè non parcheggiarla in bella mostra direttamente nel pieno della villa comunale?
Detto fatto. L’episodio si è registrato poco fa, quando ha fatto il suo arrivo una coppia di sposini con un Lamborghini fiammante. Incuranti dei vari divieti , sposi e seguito hanno varcato la villa comunale ed se ne sono appropriati momentaneamente per utilizzarla come set, auto compresa. Povera città.

Ma arriva comunque la multa: la polizia municipale non ha perso tempo e ha sanzionato i responsabili per divieto di sosta e per circolazione in isola pedonale.

 

 

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy