Seguici sui Social

Attualità

Da WhatsApp a Telegram, quali sono le app di messaggistica più utilizzate

Pubblicato

il

WhatsApp

Le app di messaggistica hanno soppiantato i tradizionali SMS nel giro di pochi anni, diventando gli strumenti preferiti per comunicare con gli altri in maniera immediata e in genere gratuita. Ma quali sono le più utilizzate al mondo? Vediamo insieme gli ultimi dati.

WhatsApp

Praticità e convenienza: ecco perché le app di messaggistica piacciono

Le applicazioni dedicate allo scambio di messaggi tramite smartphone si sono imposte in questi ultimi anni come uno dei principali strumenti di comunicazione per diversi motivi: questi agili software installabili sui dispositivi mobili e, sempre più spesso, utilizzabili anche da PC, si presentano infatti come un’opzione vantaggiosa sia dal punto di vista economico che delle funzioni disponibili. Uno dei primi aspetti da considerare è proprio quello della possibilità di usare gratuitamente queste app, sfruttando una rete internet che permetta di inviare e ricevere dati, una differenza non da poco con i tradizionali messaggi di testo che circolano sulla linea telefonica, per i quali è prevista l’applicazione di una tariffa da parte dell’operatore.

Un altro dei motivi per cui gli utenti hanno sin da subito amato le app di messaggistica, preferendole agli SMS, è il fatto di poter disporre di diverse funzioni al di là del semplice invio dei messaggi testuali. In molti casi, infatti, queste app sfruttando le tecnologie di live streaming permettono anche di effettuare videochiamate di coppia o di gruppo, rappresentando una valida alternativa allo stesso telefono. Così come accaduto nel mondo dei giochi, dove portali come PokerStars Casino hanno sfruttato il live streaming per creare situazioni di partecipazione contemporanea ai vari tavoli, gli sviluppatori delle app di messaggistica hanno saputo integrare tutti i vantaggi di questa tecnologia per rendere le comunicazioni più coinvolgenti e immediate.

Le caratteristiche citate accomunano più o meno le varie app di messaggistica oggi presenti online, sebbene ognuna di esse cerchi di differenziarsi per uno o più punti di forza in particolare. Le statistiche, in ogni caso, premiano gli operatori del settore, che vedono aumentare i download e il numero di utenti attivi, come dimostrano gli ultimi dati resi noti riguardo al 2021.

WhatsApp, l’app più utilizzata a livello mondiale

Com’era facile prevedere, WhatsApp è l’applicazione di messaggistica attualmente più usata a livello globale. Dall’Europa all’America, fino alle aree più remote dell’Asia e dell’Africa, WhatsApp copre con i suoi servizi quasi tutto il mondo, risultando fuori dalla top 3 delle app di comunicazione solo in pochi Paesi, come Cina, Giappone e Corea del Sud.

Il successo di WhatsApp, nata come app indipendente e successivamente entrata a far parte del gruppo Facebook, è dato sia dal fatto di essere stato uno dei primi servizi di questo genere a imporsi sul mercato, sia dalle numerose funzioni offerte, che spaziano dalle videochiamate all’invio di foto, video e documenti, caratteristica molto interessante per tutti coloro che necessitano di scambiare file di vario genere in modo più veloce rispetto alla classica e-mail o ai servizi di file sharing.

Per capire quanto WhatsApp sia diffusa, basta leggere il dato relativo agli utenti attivi mensilmente (MAU), che nel 2020 aveva già raggiunto i 2 miliardi.

WhatsApp

Japanese woman playing on her phone

Facebook Messenger, la chat di casa Zuckerberg

Grande successo anche per Facebook Messenger, l’app di messaggistica collegata al social network Facebook. Inizialmente Messenger rappresentava una funzione integrata alla piattaforma social creata da Mark Zuckerberg, ma col tempo ha assunto sempre più i connotati di un’app a se stante, utile per contattare privatamente non soltanto la propria cerchia di amici “social”, ma anche per inviare messaggi ad altri utenti privati e a pagine aziendali.

A gennaio 2021, il dato relativo agli utenti mensili su Facebook Messenger ha raggiunto 1,3 miliardi di persone, con picchi di preferenza da parte degli utenti nordamericani (sia Stati Uniti che Canada) che utilizzano iOS, i quali la premiano come l’app più popolare sul digital store di riferimento.

Telegram, l’app che sfida i colossi della messaggistica

A essere premiata dalle statistiche più recenti è anche Telegram, applicazione più giovane ma che in poco tempo è riuscita a ritagliarsi una importante fetta di mercato, grazie anche a scelte che hanno portato il brand a differenziarsi da quelli già più noti e diffusi. Telegram, che conta ormai oltre 500 milioni di utenti attivi mensili con tassi di crescita del 25% annuo, si caratterizza soprattutto per una più marcata attenzione ai temi della privacy e per la possibilità di creare canali privati dedicati alle tematiche più disparate.

Proprio quest’ultimo aspetto ha favorito la crescita di Telegram come strumento per creare community di varia natura in cui persone con gli stessi interessi possono messaggiare liberamente, oltre che come importante canale informativo e promozionale per media e aziende.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Una stabiese a The Voice Senior su Rai Uno

Pubblicato

il

WhatsApp

Successo per Ondina Sannino che entra in squadra con Gigi D’Alessio

Una stabiese in onda in prima serata su Rai Uno. Anna Sannino, in arte Ondina, partecipa a The Voice, il programma condotto da Antonella Clerici dove i giudici, Gigi D’ Alessio, Clementino, Loredana Bertè ed i Ricchi e Poveri dovranno scegliere gli artisti in gara per la propria squadra e prepararli per la finale dove poi potranno essere votati al televoto.

Voce soave, la stabiese incanta i giudici. Subito “si girano” per corteggiarla e farla entrare nella propria squadra i Ricchi e Poveri e Gigi D’ Alessio, poi Clementino.

Alla fine, con il complimento di Gigi D’ Alessio che la definisce artisticamente “uno tsunami non un’ ondina”, la stabiese sceglie D’Alessio.

Appuntamento quindi alle prossime puntate su Rai Uno per sostenere una stabiese in gara che potrà portare alto il nome di Castellammare di Stabia.

Continua a leggere

Politica

Il vescovo Alfano sfida la camorra: “Diciamo no al male”

Pubblicato

il

WhatsApp

Dopo tre anni ritorna la processione di San Catello. La prima dopo lo scioglimento per camorra del consiglio comunale di Castellammare di Stabia. Un tema che lo stesso vescovo, don Franco Alfano, ha voluto affrontare nel corso della manifestazione religiosa in onore del santo Patrono

“Viviamo oggi un momento di preghiera e di festa comune. Qui, in questa storica realtà, ribadiamo la necessità di un lavoro dignitoso rispettoso e possibile per tutti. In questo luogo che da secoli rappresenta un vanto per Castellammare di Stabia, vogliamo guardare al futuro e non sognarlo in modo astratto, ma impegnandoci davanti all’immagine di San Catello che ci accompagna da millenni. Diciamo no al male in tutte le sue forme, diciamo no a chi fa gli interessi solo di alcuni. Diciamo sì alla giustizia, alla libertà e alla pace. Cambiamo la nostra mentalità, basta lamentarsi, l’accettazione silenziosa non va più bene” sono le parole di Don Franco Alfano.

La processione è proseguita nel centro antico della città e come di consueto i fedeli si sono fatti trovare pronti agli angoli delle strade per attendere il santo. “Il suono delle campane ci ricorda il bisogno di riprovarci insieme come famiglia unita. Ogni tanto lungo la strada appariva il sole, quella luce c’è anche quando non si vede e può illuminarci la strada per un futuro migliore. Facciamo tutti la nostra parte, la città deve risorgere con l’intercessione del Santo Patrono e la Benedizione di Dio”, conclude il vescovo.

Continua a leggere

Cronaca

Allerta meteo infinita: altro week end di maltempo

Pubblicato

il

WhatsApp

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo di colore Arancione con validità a partire dalle 12 di domani, venerdì 20 gennaio e scadenza alle 8 di sabato 21 gennaio.

L’avviso segue quello attualmente in atto che terminerà alle 9 di domani mattina, ma riguarda una nuova perturbazione che interesserà la regione, causando un repentino peggioramento delle condizioni meteo, in successiva, rapida evoluzione.

I fenomeni più intensi (vento, temporali e nevicate) saranno localmente molto rilevanti, e si evolveranno lungo la giornata di venerdì, per diminuire di intensità rapidamente, a partire già dalla stessa nottata di venerdì.

Si abbasseranno le temperature sull’intero territorio regionale e si verificheranno anche nevicate e gelate.

Su tutto il territorio regionale i venti saranno molto forti con raffiche meridionali e in rotazione fino ai quadranti settentrionali. Il mare si presenterà molto agitato o grosso con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulle zone interne neve già intorno ai 400 metri, con accumuli al suolo localmente moderati.

Per quanto riguarda la sola criticità idrogeologica l’avviso meteo differenzia la fascia costiera, dove il livello di allerta è Arancione dalle zone interne, dove il colore di riferimento è il Giallo.

Come è noto i colori identificano esclusivamente il tipo di rischio derivante da piogge e temporali, ossia il previsto impatto al suolo delle precipitazioni.

In particolare, sulla fascia costiera della Campania si prevedono temporali diffusi anche di forte intensità e per questo il tipo di rischio associato è Idrogeologico diffuso con possibili fenomeni di instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di fango o detriti oltre che significativi ruscellamenti, anche con trasporto di materiale, voragini per fenomeni di erosione, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Sulle zone interne, invece, le precipitazioni sparse potranno avere carattere di rovescio o isolato temporale: per questo il tipo di rischio associato è di tipo Idrogeologico localizzato e il livello di allerta è Giallo. Sono possibili comunque allagamenti, ruscellamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Su tutto il territorio, incluse le zone dove vige il giallo, potranno verificarsi caduta massi e occasionali fenomeni franosi legati a condizioni particolarmente fragili, anche per la saturazione dei suoli.

La Protezione Civile della Regione Campania richiama i Sindaci di tutti i Comuni alla massima attenzione, anche in considerazione della situazione fortemente compromessa dalle precipitazioni di questi giorni.

Si raccomanda l’attivazione dei COC (Centri Operativi Comunali), la predisposizione di tutte le misure atte a prevenire, contrastare e mitigare i fenomeni attesi, anche in linea con i rispettivi piani di protezione civile.

Si prega di verificare su tutto il territorio la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

In considerazione dell’arrivo di nevicate già a quota 400 mt, si invitano le autorità competenti a dotarsi di mezzi spargisale.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.