Seguici sui Social

Cronaca

Racket e usura: il tour della legalità arriva a Castellammare

Il tour della legalità promosso dalla Regione Campania fa tappa a Castellammare e nella vicina Torre Annunziata

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Il tour della legalità, promosso dalla Regione Cmpania, per per sensibilizzare e informare i cittadini sui gravi problemi di usura e racket; mettere a disposizione, per chi è vittima degli aguzzini, gli strumenti utili alla prevenzione e al contrasto, fa tappa a Castellammare di Stabia e nella vicina Torre Annunziata e non solo. L’iniziativa dal 20 aprile al 5 maggio coinvolge diversi comuni dell’area metropolitana di Napoli e in altre località delle province di Avellino, Benevento, Caserta e Salerno, la Regione Campania è impegnata nella campagna della legalità

La criminalità organizzata incassa, in Campania, dall’estorsione e dalle attività di strozzinaggio, intorno ai due miliardi all’anno. Sono circa trecento, tra grandi, medie imprese e piccole attività commerciali, quelle colpite da questo cancro: circa 80 le denunce per usura e 1100 per tangenti registrate annualmente.

«Paura, talvolta vergogna, iter burocratici lunghi – dichiara l’assessore Morcone – tra le ragioni, nell’assordante silenzio generale, di punti critici irrisolti intorno a questi preoccupanti fenomeni. La Regione Campania, con la rete delle associazioni antiracket e le fondazioni antiusura, attraverso questo road show di incontri e ascolto, si impegna a svegliare le coscienze e conferma il costante impegno nella lotta alla camorra».

L’appuntamento stabiese è previsto per Giovedì 28 aprile dalle ore 10, il truck della Regione Campania, con la carovana della legalità, si troverà a Castellammare di Stabia e si posizionerà in via Mazzini (giardini pubblici). Sarà presente il nuovo commissario regionale antiracket e antiusura, l’ex questore Santi Giuffrè.

Programma di Castellammare di Stabia

Mattina 28 aprile 2022 ore 10.00 / 12.00
Incontro con le scuole e alcuni testimoni di giustizia sul tema della lotta al racket e all’usura
Presentazione della mostra “La Cultura libera dall’ignoranza e dalla camorra”
Interverranno: Prefetto Mario Morcone assessore alla Legalità della Regione Campania
Prefetto Raffaele Cannizzaro Commissario straordinario del Comune di Castellammare di Stabia
Don Luigi Milano Parroco della Chiesa del Carmine
Raffaele Cavaliere figlio di Michele Cavaliere, vittima innocente della camorra
Luigi Cuomo Presidente SOS IMPRESA Rete per la Legalità Aps
Parteciperà un imprenditore testimone di giustizia
Parteciperanno alcuni studenti degli Istituti Comprensivi Panzini e Giancarlo Siani

Pomeriggio Ore 16.00 / 17.30

Incontro tra i rappresentanti delle imprese di Castellammare e i rappresentanti dell’informazione sul tema della collaborazione delle imprese vittime di estorsione e usura con le forze dell’ordine e la magistratura
Interverranno: Prefetto Mario Morcone assessore alla Legalità della Regione Campania
Prefetto Raffaele Cannizzaro Commissario straordinario del Comune di Castellammare di Stabia
Johnny De Meo Presidente ASCOM Stabia
Tiziano Valle Giornalista di Metropolis
Luigi Cuomo Rappresentante del Circolo intercomunale della Legalità
Avv Alessandro Motta Capo ufficio legale di SOS IMPRESA Rete per la Legalità Aps
Parteciperà un rappresentante della Procura distrettuale antimafia di Napoli
Sono stati invitati i rappresentanti delle forze dell’ordine di Castellammare di Stabia


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com