Seguici sui Social

Politica

Agguanto davanti al Comune, il Pd chiede l’intervento del Prefetto: «Subito un tavolo per l’ordine pubblico»

La richiesta del Partito Democratico e lo sdegno dei cittadini sui social

Pubblicato

il

L’agguanto davanti al Comune scatena lo sdegno sui social e scatena la reazione della politica. Il Pd è il primo partito a parlare: «Cosa si aspetta ad intervenire, perché tanto disinteresse nei confronti della nostra città?»
E ancora: «Non bastano più le parole di sdegno e disprezzo per quanto sta accedendo da mesi nella nostra città. Gli episodi di criminalità sono all’ordine del giorno, la città è abbandonata a se stessa e gli appelli di aiuto cadono nel vuoto. Non conosciamo la matrice dell’agguato che poteva costare la vita ad una ragazza che si trovava in Pizza Giovanni XXIII per puro caso, ma sappiamo che la città è sguarnita da qualsiasi tipo di protezione. C’è bisogno che le forze dell’ordine siano presenti sul territorio, soprattutto nelle ore serali e nei luoghi di ritrovo».
Da qui la richiesta di intervento del Prefetto: «Si convochi subito un tavolo per l’ordine e la sicurezza a Castellammare.
Non c’è più nulla da aspettare che si faccia presto!».

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.