Seguici sui Social

Cronaca

Sabato sera nel caos a Castellammare tra sosta selvaggia, traffico, furti e atti vandalici

Movida incontrollata anche a 24 ore dalla sparatoria in centro: auto in sosta selvaggia, traffico, ragazzini che lanciano spazzatura e furti di auto

Pubblicato

il

Castellammare


Castellammare di Stabia. La sparatoria di venerdì sera ai danni di due ragazzi non è servita a riportare ordine e controllo per le strade del centro città. A Castellammare di Stabia ieri un altro sabato di caos. E’ da poco passata la mezzanotte e ci imbattiamo lungo le strade della movida: auto parcheggiate anche in quarta fila a Piazza Monumento, una sosta selvaggia che blocca il normale flusso circolatorio con auto incolonnate a partire da Via Nocera da una parte e Via Bonito dall’altra. Extracomunitari intenti a vendere merce contraffatta in Villa Comunale, scooter che sfrecciano tra le auto rischiando di investire i pedoni. Nessuna forza dell’ordine a controllare, almeno, il centro città a poco più di 24 ore dal raid in Piazza Giovanni XXII in cui una 23enne è finita in ospedale dopo essere stata colpita da un proiettile al piede mentre era in compagnia di un 20enne, con piccoli precedenti, del Centro Antico.  Invece a Via Amato un gruppetto di ragazzi ha iniziato a lanciare sacchetti della spazzatura mentre a Via Raiola un gruppo di ragazzi al momento di riprendere l’auto, intorno all’una, non l’ha più trovata: era stata rubata.

Nell’ultimo mese, oltre alla sparatoria di venerdì, a Castellammare di Stabia abbiamo assistito al pestaggio di uno studente spagnolo in Erasmus in città: il giovane aveva provato a difendere un’amica da un tentativo di rapina e fu raggiunto a colpi di casco da alcuni ragazzi in villa comunale. La scorsa settimana, invece, una coppia fu avvicinata da un malvivente nella centralissima Via Roma. L’uomo puntò un coltello alla gola del ragazzo mentre salutava la fidanzata costringendolo a dargli i soldi, meno di cento Euro, per poi dileguarsi in sella ad uno scooter.


Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Filomena Criscuolo

    29 Maggio 2022 @ 10:04 at 10:04

    In tutta questa sfilza di negatività avete dimenticato di citare i topi in Villa Comunale.Mi meraviglio di voi che siete stati così precisi nel raggruppare tante info utili per i nostri potenziali turisti, come avete fatto a dimenticarlo?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare, piccione si incastra in una rete e muore

Il volatile appeso alla facciata della chiesa in centro

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Un piccione morto e rimasto appeso alla facciata di una chiesa in centro. Siamo nella di Santa Maria dell’Orto lungo l’omonima strada dove alcuni passanti hanno notato il volatile penzolante e privo di vita. Il piccione è probabilmente morto dopo esser rimasto incastrato in una rete di protezione di una delle finestre dell’edificio sacro. Allertato il parroco a cui è stata richiesta la rimozione della carcassa che rischia di “volare” (doverose le virgolette ndr) giù sui passanti.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, lo scivolo per le barche diventa un parcheggio

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica