Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, oltre 8mila firme per chiedere l’intitolazione di una piazza in onore di Sandro Pertini

Successo di adesioni per chiedere l’intitolazione a Castellammare di una piazza in onore di Sandro Pertini, settimo Presidente della Repubblica. I promotori: «Risultato inaspettato»

Pubblicato

il

Pertini


Castellammare di Stabia. All’incirca 8mila e Cinquecento le sottoscrizioni per chiedere l’intitolazione di una piazza a Sandro Pertini, settimo presidente della Repubblica Italiana. La richiesta in occasione del prossimo anniversario dei 130 anni falla fondazione del PSI avvenuta nel 1892. In poco più di un mese tra sottoscrizioni online e cartacee si è giunti ad oltre 8500 adesioni. Lo rendono noto in un comunicato Giuseppe Di Massa, Roberto Rapicano e Davide Bozza.

«Il sostegno alla petizione ha avuto successo perché Sandro Pertini è un politico apprezzato da tutte le Italiane e italiani – afferma Roberto Rapicano coordinatore cittadino f.f. del PSI – al di là degli schieramenti politici». Alle sue parola fa eco il presidente dell’Anpi Giuseppe Di Massa che sottolinea «il valore dell’uomo partigiano antifascista prima e dell’uomo delle istituzioni democratiche dopo la Liberazione. Sopravvissuto alle carceri fasciste giunge alla presidenza della Repubblica quale presidente più votato di tutti i tempi». Per i Progressisti stabiesi «l’elevato spessore morale politico/istituzionale di Pertini – dichiara Davide Bozza – rappresenta la storia del socialismo italiano unitario, esempio per tutta la sinistra. Necessità attuale più che mai».

La petizione ha visto il sostegno di numerose personalità cittadine dal giornalista Gigi Vicinanza che ha anche rilanciato la petizione dal suo profilo Instangram. La giornalista Angela Longobardi, Il giornalista Vincenzo Iurillo del Fatto quotidiano. Gli ex sindaci Lino Polito, Salvatore Vozza, l’ex vicesindaco Antonio Giaquinto, l’ex assessora Fiabiola Toricco. Tra gli ex consiglieri troviamo Tonino Scala e Tonino Esposito. Un piacevole adesione è stata quella dello storico Davide Rossi presidente dell’istituto Anna Seghers di Milano. La partecipazione del coordinamento stabiese dei CARC. Tra i partiti hanno aderito il PD stabiese e la dirigente dei Verdi Europa Marilena Schiano Lo Moriello. Un ringraziamento particolare dal comitato giunge a Gianluca Torelli ed Antonio De Luca per aver messo a disposizione le sedi CGIL e SPI CGIL per la raccolta cartacea delle firme. Tra pochi giorni sarà la festa della Repubblica ed il comitato promotore ha inviato la raccolta delle firme all’attenzione della commissione prefettizia chiedendole un incontro. «Questa – scrivono i promotori nella nota – è la seconda raccolta firme della sinistra stabiese che chiede di intitolare una piazza ad un eminente personalità politica, infatti lo scorso anno per il centenario del PCd’I fu avviata una petizione per intitolare una strada ad Antonio Gramsci storico fondatore del partito, perseguitato politico ed intellettuale studiato in tutto il mondo. Richiesta che fu totalmente disattesa dall’amministrazione di centro destra».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare, piccione si incastra in una rete e muore

Il volatile appeso alla facciata della chiesa in centro

Pubblicato

il

Pertini

Castellammare di Stabia. Un piccione morto e rimasto appeso alla facciata di una chiesa in centro. Siamo nella di Santa Maria dell’Orto lungo l’omonima strada dove alcuni passanti hanno notato il volatile penzolante e privo di vita. Il piccione è probabilmente morto dopo esser rimasto incastrato in una rete di protezione di una delle finestre dell’edificio sacro. Allertato il parroco a cui è stata richiesta la rimozione della carcassa che rischia di “volare” (doverose le virgolette ndr) giù sui passanti.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, lo scivolo per le barche diventa un parcheggio

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica