Seguici sui Social

Cronaca

Offese Carlo Giuliani sui social, il Csm: via l’anzianità a Luigi Bobbio

Pubblicato

il

Luigi-Bobbio


Ha offeso la reputazione di Carlo Giuliani, morto nel corso degli eventi del G8 del 2001, con commenti pubblicati sul suo profilo Facebook. Con questa accusa la Sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura ha condannato l’ex senatore Luigi Bobbio e già Sindaco di Castellammare di Stabia, oggi giudice al tribunale di Nocera Inferiore, alla perdita di anzianità di due mesi.

Una sanzione superiore a quella chiesta dalla procura generale della Cassazione, che aveva sollecitato la condanna alla censura. Per questa vicenda Bobbio era stato condannato nel 2016 dal tribunale di Torre Annunziata a 8 mesi di reclusione, confermati tre anni dopo in appello, ma la sentenza era stata in seguito annullata dalla Cassazione, che aveva dichiarato estinto il reato per remessione di querela.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare, piccione si incastra in una rete e muore

Il volatile appeso alla facciata della chiesa in centro

Pubblicato

il

piccione

Castellammare di Stabia. Un piccione morto e rimasto appeso alla facciata di una chiesa in centro. Siamo nella di Santa Maria dell’Orto lungo l’omonima strada dove alcuni passanti hanno notato il volatile penzolante e privo di vita. Il piccione è probabilmente morto dopo esser rimasto incastrato in una rete di protezione di una delle finestre dell’edificio sacro. Allertato il parroco a cui è stata richiesta la rimozione della carcassa che rischia di “volare” (doverose le virgolette ndr) giù sui passanti.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, lo scivolo per le barche diventa un parcheggio

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica