Seguici sui Social

Cronaca

Offese Carlo Giuliani sui social, il Csm: via l’anzianità a Luigi Bobbio

Pubblicato

il

Luigi-Bobbio

Ha offeso la reputazione di Carlo Giuliani, morto nel corso degli eventi del G8 del 2001, con commenti pubblicati sul suo profilo Facebook. Con questa accusa la Sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura ha condannato l’ex senatore Luigi Bobbio e già Sindaco di Castellammare di Stabia, oggi giudice al tribunale di Nocera Inferiore, alla perdita di anzianità di due mesi.

Una sanzione superiore a quella chiesta dalla procura generale della Cassazione, che aveva sollecitato la condanna alla censura. Per questa vicenda Bobbio era stato condannato nel 2016 dal tribunale di Torre Annunziata a 8 mesi di reclusione, confermati tre anni dopo in appello, ma la sentenza era stata in seguito annullata dalla Cassazione, che aveva dichiarato estinto il reato per remessione di querela.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.