Seguici sui Social

Cronaca

In pensione Pasquale Caiazzo, funzionario del commissariato di Castellammare

In pensione 42 anni di servizio in Polizia il sostituto commissario Caiazzo lascia il commissariato stabiese

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Il sostituto commissario Pasquale Caiazzo ha terminato dopo 42 anni la sua attività in polizia di Stato. Per anni al commissariato di Castellammare di Stabia è stato punto di riferimento per la città e per i cittadini soprattutto nella gestione dell’ordine pubblico durante gli eventi che si sono celebrati a Castellammare di Stabia e nei comuni di competenza del commissariato di Via De Gasperi. Anche la Juve Stabia nell’ultimo giorno di Campionato ha voluto ringraziare Caiazzo consegnandogli una targa.

Ad annunciare la pensione è stato lo stesso sostituto commissario sui social citando Giovanni Falcone: “Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l’essenza della dignità umana” affermando di aver creduto nel messaggio del giudice assassinato dalla Mafia ed ha poi ringraziato tutti quelli che ha incontrato durante la sua attività professionale: «Ringrazio di cuore tutti coloro che mi hanno accompagnato in questo mio lungo percorso di vita».

Emidav


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com