Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, Nappi attacca il segretario del PD su Fincantieri: «dovrebbe stare in silenzio»

L’ex consigliere comunale M5S contro il segretario PD Giordano su Fincantieri

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. «Alcuni partiti dovrebbero silenziarsi». A scriverlo sui social è Francesco Nappi, consigliere comunale uscente del Movimento 5 Stelle. Un post che sembra rispondere alle parole di Peppe Giordano, Segretario PD, che ha definito «una parata tra pochi eletti» la visita di Luigi Di Maio nello stabilimento Fincantieri. Per Giordano «La conferma delle commesse per Fincantieri è una notizia importante» sottolineando che lo stabilimento «non è avulso dalla città, deve essere inserito in un ragionamento complessivo di sviluppo dell’intero territorio ed è compito di tutte le parti dare risposte e darle in tempi brevi. Pensare di venire nello stabilimento di Castellammare senza dare una minima risposta sui necessari investimenti infrastrutturali che da più di un decennio aspettano i lavoratori e la città è un errore grave che tutti, azienda e rappresentanti delle istituzioni, hanno commesso. Sono anni che la società Fincantieri, il governo nazionale e la Regione Campania si rimpallano la responsabilità su chi deve o non deve fare la prima mossa per innovare il cantiere stabiese. Questa città – scrive Giordano – ha bisogno di serietà, certezze e prospettive vere, non di essere la location di parate tra pochi eletti». Un post che sembrerebbe non essere piaciuto all’esponente M5S Nappi che si è detto divertito nel «leggere di pareri e veti da parte di chi dopo decenni ancora non si fa un bagno di umiltà e chiede perdono alla città. Stabia 2024? È certamente presto – ha scritto – ma sicuramente prima di quella data alcuni partiti dovrebbero silenziarsi, magari il tempo fa dimenticare. E invece no, parlano parlano parlano….il silenzio darebbe solo un’impressione, ma ci tengono troppo a dare conferma». emidav


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy