Seguici sui Social

Cronaca

Il panificio Malafronte di Gragnano premiato dal Gambero Rosso

Per il quarto anno consecutivo l’attività di Gragnano riceve i “tre pani” sulla guida Pane & Panettieri d’Italia del Gambero Rosso: la consegna del riconoscimento a Roma

Pubblicato

il

Gragnano


Panificatori da quattro generazioni a Gragnano, i fratelli Malafronte confermano anche per la quarta edizione della guida, l’ambito e massimo riconoscimento dei ‘Tre pani’ sulla guida Pane & Panettieri d’Italia 2023, per il loro pane al lievito madre, caposaldo dei loro prodotti. La lenta lievitazione che arriva fino a trenta ore e la longeva freschezza garantita dall’assenza di conservanti e additivi – che consente di gustarlo fino a 3/4 giorni successivi – ha convinto la giuria che ha riconfermato il premio al panificio stabiese, presente nella guida sin dalla prima edizione del 2019.

Il Panificio Malafronte ha inoltre ottenuto quest’anno ‘Due Pani’ per il suo progetto di showroom Bakery & Bistrot Legrani realizzato in collaborazione con il pastificio Carmiano di Gragnano; un ulteriore riconoscimento per Malafronte che conferma la sua capacità di creare legami di gusto, sapori e di territorio.

La presentazione della guida si è tenuta nello Spazio Field di Palazzo Brancaccio a Roma, con tantissimi partecipanti e più di sessanta novità per celebrare il pane e i migliori artigiani della penisola. Gambero Rosso con la guida Pani & Panettieri mira a valorizzare l’artigianalità, l’utilizzo del lievito madre vivo, ma anche la capacità di innovazione e sperimentazione del saper fare il pane e di saper evolvere il concetto stesso di panificio in chiave contemporanea.

‘Proprio in questa direzione stiamo lavorando’, ha affermato Daniele, uno dei titolari del panificio Malafronte, ‘ossia di rinnovare la nostra tradizione di panificatori da 116 anni a Gragnano, coniugando conoscenze e saperi antichi con la tecnologia e l’innovazione offerta del settore, con l’obiettivo chiaro di valorizzare sempre più il prodotto più semplice e buono del mondo, per un consumatore sempre più attento e alla ricerca di genuinità, sostenibilità e novità’.

L’offerta dei prodotti Malafronte è arricchita anche da una proposta di prodotti da forno sostitutivi del pane come i sempre più richiesti grissini stirati a mano, cracker artigianali, taralli di Agerola ecc., e per gli amanti del dolce, una linea di prodotti da ricorrenza, lievitati da colazione e biscotti fragranti come i frollini agli agrumi, al caffè al cioccolato e diversi altri.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

Il centro antico cade a pezzi, ancora un crollo

Vede un palazzo abbandonato di largo Caporivo

Pubblicato

il

Gragnano

Crollo nel centro antico e notte di paura. Da un palazzo abbandonato di largo Caporivo si sono staccati dei massi che hanno fatto temere il peggio. Anche perché in quella zona sono parcheggiate decine di auto, anche se non autorizzate.
Si tratta solo dell’ennesimo crollo in un centro antico sempre più abbandonato. È di questi giorni la notizia della prossima pubblicazione del bando da 7 milioni per la riqualificazione del centro storico grazie ai fondi Pnrr. Se ne occuperà Invitalia a gestire le procedure di gara.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica