Seguici sui Social

Politica

Urne fantasma a Castellammare: vota solo uno stabiese su dieci

Referendum Giustizia, non si raggiunge il quorum

Pubblicato

il

Urne fantasma a Castellammare. Sfiorato appena il 9% di affluenza, molto meno della metà rispetto alla media nazionale. In pratica un solo stabiese su dieci si è recato ai seggi.

La città stabiese decide nettamente di non decidere sulla riforma della giustizia, proprio qualche mese dopo aver incassato il duro colpo dello scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni camorristiche.

E in ogni caso boccia i quesiti su misure cautelari e abrogazione della legge Severino, mentre dà nettamente il via libera alla separazione delle carriere dei magistrati, al voto dei membri laici per la valutazione dei togati e al quesito anti-correnti della magistratura.

Tutto inutile, perché il quorum si ferma al 20%, ben trenta punti al di sotto della soglia minima.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.