Seguici sui Social

Cronaca

Altro colpo ai narcos dei Lattari: sequestrate 200 piante di cannabis ad Agerola

Denunciato anche un intero nucleo familiare per abusi edilizi

Pubblicato

il

Lattari

Altro colpo ai Narcos dei Lattari da parte dei Carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia nell’ambito dell’operazione “Green Life”. Un servizio a largo raggio effettuato con il supporto di reparti speciali e con gli occhi dall’alto del nucleo elicotteristi di Pontecagnano.

Ad Agerola sono state rinvenute 200 piante di cannabis indica da due metri l’una. Le piante erano in un’area demaniale dei Monti Lattari e sono state prima campionate e poi distrutte dai militari della locale stazione.

A Gragnano i militari della locale stazione hanno denunciato a piede libero per abusivismo edilizio, violazione del codice dei beni culturali e distruzione e deturpamento di bellezze naturali 7 persone tra uomini e donne tutte dello stesso nucleo familiare e tutti già noti alle forze dell’ordine. I militari hanno analizzato le riprese effettuate dall’alto dall’elicottero e hanno accertato che il nucleo familiare indagato aveva costruito svariate opere abusive in un’area immersa nel verde e sottoposta a vincoli paesaggistici. Per loro un’ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com