Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, l’Ascom ai Commissari: «città peggiora sempre più»

Dura lettera dei commercianti alla Commissione Straordinaria: «In sei mesi registriamo una situazione che peggiora sempre più. Scarsa collaborazione con le istituzioni»

Pubblicato

il

Ascom

Castellammare di Stabia. La città «sta peggiorando sempre più». E’ il commento dell’associazione commercianti di Castellammare di Stabia guidata dal presidente De Meo a sei mesi dall’insediamento della Commissione Straordinaria arrivata dopo lo scioglimento dell’ Amministrazione Cimmino per infiltrazioni camorristiche. I commercianti in una lettera aperta alla città ma anche ai commissari Cannizzaro, Passerotti e Valentino, fanno emergere tutta la loro amarezza per le condizioni in cui versa la città.  Una missiva che arriva dopo le parole di Cannizzaro che ha parlato di «una città maleducata, caotica e dove regna malcostume».

Un commento che non è piaciuto ai commercianti che hanno parlato di «giudizio troppo approssimativo sulla città. Castellammare è una città difficile con infrastrutture inadeguate ad accogliere l’enorme flusso di persone proveniente dall’intero comprensorio. A questo si aggiungono i problemi derivanti dalla cronica carenza di presidi e controlli da parte delle Forze dell’Ordine». Ed è proprio sul controllo del territorio che interviene l’associazione dei commerciati: « Su quest’ultimo punto in particolare avevamo riposto le nostre speranze, confidando in un intervento più immediato ed incisivo da parte del Commissario che, al momento, non c’è stato In una realtà così congestionata e fuori controllo è difficile imputare ai cittadini stabiesi la colpa degli atti di vandalismo, le aggressioni e le trasgressioni compiuti sul territorio cittadino».

L’Ascom sottolinea inoltre la mancanza di collaborazione proprio con la commissione straordinaria. «Per dovere di cronaca dobbiamo precisare che sin dai primissimi giorni dall’insediamento della Commissione Prefettizia abbiamo fatto pervenire al dott. Cannizzaro una nostra missiva che, insieme ad un messaggio di benvenuto, rendeva nota la nostra disponibilità a collaborare, segnalando una serie di interventi ritenuti necessari ed urgenti sia per la categoria che rappresentiamo, sia per migliorare il livello di vivibilità dell’intera cittadinanza. A distanza di mesi, nonostante ulteriori richieste di incontro e confronto, non ci è stata data possibilità di offrire il nostro contributo, frutto dell’esperienza maturata attraverso il contatto quotidiano con gli avventori ed una profonda conoscenza del territorio. Intanto sono trascorsi sei mesi e su molti piani registriamo una situazione che sta peggiorando sempre più. La regolamentazione dei Dehors e dell’utilizzo del suolo pubblico si è arenata lasciando gli operatori nella confusione più totale. Abbiamo gli uffici del SUAP praticamente bloccati rispetto al rilascio di qualsivoglia autorizzazione, impedendo di fatto lo sviluppo delle attività commerciali a tutto vantaggio di chi opera nella completa inosservanza delle normative. La pulizia delle strade è molto carente e con l’arrivo delle alte temperature la situazione è degradata anche nelle zone centrali della città. Abbiamo zone lasciate completamente al buio da mesi senza che nessun intervento di ripristino della pubblica illuminazione venga effettuato. I parcheggiatori e venditori abusivi sono arrivati ad operare in ampie zone della città e fin sotto al Municipio. Inoltre avremmo voluto offrire il nostro contributo per risolvere la questione della videosorveglianza più volte discussa e, a nostro parere, determinante per contrastare gli atti di criminalità, preferendo un incontro fattivo, come è nostra abitudine, ad una replica alle accuse di “maleducazione” che non “premiano” quanti cercano sostegno nello Stato». Emilio D’Averio

LEGGI ANCHE: 
I commissari ordinano la demolizione degli abusi del clan a Faito


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Allerta Meteo arancione dalle ore 18, previsti forti temporali

L’avviso della protezione civile regionale. Possibili frane e fango in tutta la regione

Pubblicato

il

Pioggia-Castellammare-AllertaMeteo

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo.

Il Centro Funzionale, considerato il peggioramento previsto, ha valutato una criticità di livello Arancione sulle zone 1, 2,3,5 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Alto Volturno e Matese, Costiera Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele), Gialla sul resto della regione.

Previsti temporali anche di forte intensità e un conseguente rischio idrogeologico con possibili frane, instabilità di versante, colate rapide di fango, caduta massi, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

 

La Protezione Civile della Regione Campania richiama i Sindaci alla massima attenzione, attivando i Centri operativi comunali, attuando tutte le norme previste dai piani di Protezione civile e a valutare il rischio sul territorio di propria competenza adottando le dovute misure di mitigazione del rischio e messa in sicurezza del territorio e di tutela dei cittadini.

Si ricorda che è pericoloso sostare ai piani bassi degli edifici e negli scantinati, nonché transitare nei sottopassi, nelle aree ribassate dove possono arrivare acqua e detriti poiché l’acqua potrebbe scendere dalle zone più alte, mista a fango e materiale vario anche in assenza di pioggia. In caso di necessità, salire ai piani alti dei palazzi.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy