Seguici sui Social

Politica

Via libera alle moto 125 in autostrada, ok alla proposta Pentangelo

Passa l’ordine del giorno del deputato stabiese

Pubblicato

il

Via libera alle moto 125 anche in autostrada, a patto che a guidarle siano centauri maggiorenni. È l’iniziativa del deputato stabiese Antonio Pentangelo, con l’ok dell’esecutivo Draghi: “Il Governo ha dato parere favorevole al mio odg che consente, ai soli maggiorenni, l’uso di scooter 125 cc anche nelle strade urbane ad alta velocità come la Tangenziale di Napoli, GDA di Roma o sulle strade principali extraurbane e le autostrade.
Oggi solo gli scooter superiori a 150 cc possono circolarvi, anche se la loro potenza è equiparabile ai 125cc. I telai, la ciclistica, i freni, le sospensioni sono identici, quindi il livello di sicurezza è lo stesso, tanto che negli altri paesi Ue gli scooter 125 cc vi circolano liberamente.
Con l’accesso ai soli maggiorenni si garantisce l’attuale livello di sicurezza senza penalizzare gli spostamenti casa-lavoro che spesso vengono effettuati con scooter 125cc
Forza Italia, sino all’ultimo, lavora in Parlamento perché i cittadini possano godere di maggiori diritti e libertà, con responsabilità”.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com