Seguici sui Social

Sport

Associazioni senza palestre e campi da gioco, i ragazzi scendono in piazza

Pubblicato

il

 

Venerdì 16 settembre le Associazioni di Castellammare di Stabia si mobilitano finalmente per dare voce alla propria disperazione e far salire l’attenzione sulla vergognosa realtà di mancanza di spazi sportivi e aggregativi in città.
L’iniziativa nasce sopratutto dalle Associazioni sportive cittadine che da anni non riescono quasi a svolgere la propria disciplina sportiva per la mancanza atavica di un palazzetto dello sport o anche più semplicemente di una palestra comunale che non sia scolastica.
Proprio sulla mancanza di disponibilità delle palestre scolastiche si fonda la nuova emergenza delle Società sportive che, dopo aver resistito alle ulteriori difficoltà della pandemia, si vedono ancora una volta trascurate dalle istituzioni che complicano o addirittura impediscono le normali concessioni delle palestre scolastiche, unica valvola di sfogo per l’attività sportiva extra calcistica in città.
Dopo un recente e ulteriore incontro con i Commissari straordinari Prefettizi, siamo di nuovo arrivati a settembre inoltrato con un momentaneo nulla di fatto per ciò che concerne le palestre degli istituti comunali delle scuole primarie e secondarie di primo grado. I Commissari per il momento non hanno potuto fare altro che constatare il disastro attuale, frutto di decenni di cattive amministrazioni e nessuna politica seria di investimenti per lo sport.
Con conseguenze gravissime a danno delle Società che con sacrificio negli anni sono riuscite, nonostante le strutture indegne a disposizione, a portare avanti campionati, avviamenti allo sport, lancio di campioni nel panorama nazionale e notevoli risultati anche in campo internazionale.
Società e giovani atleti che ora rischiano di dover limitare la propria programmazione, o di dover emigrare altrove o addirittura di sparire.
Le responsabilità sono di tanti, non solo della politica che, ci teniamo a precisare, vogliamo tenere assolutamente fuori da questa iniziativa di protesta; purtroppo dobbiamo segnalare anche l’inspiegabile mancanza di collaborazione di alcuni dirigenti scolastici e le mancanze di accoglimento delle nostre richieste da parte dei relativi consigli di istituto, oltre che di uffici e regolamenti comunali lenti e farraginosi che non fanno progredire i progetti delle strutture già finanziate e in attesa eterna di bando lavori.
Così come è giusto far notare le poche felici eccezioni nei diversi aspetti citati che assicurano la continuazione della pratica sportiva in città per un numero limitato di tesserati.
Anche alla luce dei recenti e gravi sviluppi di cronaca e con gli allarmi provenienti da più parti riguardo le fasce d’età giovanili, ci chiediamo come sia possibile che un argomento così importante non costituisca la priorità in agenda di un buon amministratore di qualsiasi livello o contesto.
Per questo motivo 14 Associazioni hanno deciso di scendere in piazza dopo anni per far valere le proprie ragioni e sensibilizzare anche l’opinione pubblica: sarà una festa pacifica e colorata, con bambini, ragazzi e adulti di ogni disciplina sportiva, dotati delle proprie divise, palloni e attrezzi da gioco.
Ma ci saranno anche Associazioni impegnate nel sociale e nel volontariato da anni, che operano virtuosamente nel difficile tessuto sociale stabiese e che da sempre vivono difficoltà simili.
Quindi vi aspettiamo in Piazza Matteotti venerdì 16 settembre alle ore 17.30; il corteo partirà alle ore 18.00 e si snoderà sul lungomare della Villa Comunale, fino a fermarsi nei pressi della Cassarmonica per un’assemblea pubblica.
Bambini, ragazzi, adulti, genitori, nonni, zii, ex atleti, tifosi e chiunque in generale abbia a cuore le sorti della nostra città: è arrivato il momento di mettere in pausa l’indignazione scritta solo sui social e dimostrare concretamente la propria partecipazione. In tanti e tutti uniti siamo una forza!!

Le Associazioni promotrici: Basket Team Stabia & Nuova Polisportiva Stabia, Basket Femminile Stabia, Tennis Club Terme di Stabia, Pattinaggio Artistico Antares Stabia, Pallavolo Nemesi Stabia, Amicizia & Sport Stabia, Sae Koryo, Hinna Pol. Annunziatella, Radio Asharam, Gli Amici della Filangieri, Asharam Santa Caterina, La Casa della Pace e della Non Violenza, Coni Fiduciariato C.mare di Stabia


Clicca per commentare

Rispondi

Sport

Sammaritana Basket conquista la serie D

Successo per i ragazzi di coach Ferraro che hanno battuto l’Akery Basket Acerra

Pubblicato

il

Santa Maria la Carità. Sammaritana Basket conquista la serie D, un successo per i ragazzi allenati dal coach Mario Ferraro che hanno battuto ieri sera l’Akery Basket Acerra nella gara 3 di play off promozione disputata ieri fuori casa ad Acerra. I cestisti sammaritani si sono imposti con 59 punti sugli avversari fermi a 49. Grande soddisfazione anche da parte del Sindaco Giosuè D’Amora che sui social ha voluto esprimere i complimenti all’allenatore, ai ragazzi e alla società. Un percorso non facile che si è concluso con un traguardo tanto ambito. «Un viaggio durato dieci mesi – ha scritto sui social coach Ferraro – tra difficoltà e gioie immense, un plauso e ringraziamento speciale a tutti i miei ragazzi e alla società per avermi dato la possibilità di esprimere tutte le mie idee e le mie convinzioni».

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy